Ben 180 giovani specialisti del Laser 4.7 (117 maschi e 63 femmine), in rappresentanza di 34 paesi, hanno preso parte al Campionato Mondiale Laser 4.7, singolo riservato ai velisti juniores che arma una randa di superficie ridotta (appunto di 4.7 metri quadrati). Conclusosi oggi a Kingston (Canada), il campionato è stato organizzato dall’International Laser Class Association (ILCA) in collaborazione con il CORK Sail di Kingston.

Numeri importanti, da grande evento sportivo globale, quelli che hanno fatto da cornice alla maiuscola prestazione di Alina Iuorio, velista osimana di nascita ma tesserata presso il Club Vela Portocivitanova, che si è laureata campionessa mondiale Laser 4.7 femminile Under 16, chiudendo il prestigioso appuntamento agonistico con un 10° posto overall (15-21-21-19-6-20-9-13-11-8-11 i suoi parziali) e seconda fra le atlete italiane presenti (soltanto Sara Savelli, terza assoluta, ha fatto meglio di lei).

Il lago Ontario ha offerto ai concorrenti condizioni ideali che hanno reso possibile lo svolgimento di 11 prove nei 6 giorni di campionato.

“Con un giorno di anticipo, oggi è accaduto ciò per cui Alina Iuorio ha lavorato dall’inizio dell’anno, con determinazione, spirito di sacrificio e passione – la dichiarazione del coach, Giacomo Sabbatini – Complimenti vivissimi e meritatissimi alla nostra Alina, non dimentichiamo che diventare campionessa del mondo femminile Under 16, nel Laser, è sempre un punto di partenza oltre che un prestigioso punto di arrivo”

“Tutto il Club sta festeggiando la performance di Alina tanto sperata quanto inaspettata vista la sua giovane età – il commento di Cristiana Mazzaferro Presidente del Club Vela Portocivitanova – Si tratta di un risultato che nasce da un lavoro di squadra che ha coinvolto dirigenti, allenatori, preparatori e sponsor. Come presidente non posso non essere grata ad Alina e a tutti i suoi collaboratori, in primis Giacomo Sabbatini”.

Nella rappresentativa tricolore presente in Canada, da segnalare anche Marco Gambelli (CN Senigallia), che ha chiuso il suo mondiale nella 24esima posizione della Gold Fleet con parziali rinfrancanti e Sofia Paradisi (CN Sambenedettese), 34esima nella flotta femminile,

I titoli assoluti maschile e femminile sono andati, rispettivamente a Niccolò Nordera (YC Canottieri Savoia) e Aria Von Allmen (Svizzera).