Giornata nera, da dimenticare in fretta, per un Fabio Peruzzo che rientra dal Rally Città di Scorzè con una prestazione a dir poco opaca, penalizzata sostanzialmente da problemi all’impianto frenante che non gli han permesso di spingere.

Il pilota di Conselve, continuando il percorso di avvicinamento al WRC RallyRACC Rally de España di metà Ottobre, si presentava all’appuntamento di Coppa Rally ACI Sport deciso ad affinare ulteriormente quella Renault Twingo R2 che lo vedrà al volante anche nel mondiale.

Dopo uno shakedown costruttivo il portacolori della scuderia Omega, affiancato da Nicola Terrassan alle note, si trovava in crisi con i freni già sulla prima prova speciale, a “Noale”.

“Allo shakedown siamo andati discretamente bene” – racconta Peruzzo – “e ci aspettavamo di poter crescere nel corso della giornata di Domenica. A dire il vero ho fatto io una cavolata e me ne assumo la colpa. Sapevo di essere al via con dischi e pastiglie da sostituire ma avevamo previsto di affrontare un bel rialzo prima della Spagna. Purtroppo, già verso la fine della prima prova, l’impianto ha iniziato a surriscaldarsi ed il pedale del freno diventava lungo. Peccato.”

Uscito dal crono di apertura con l’ottavo parziale in R2B la successiva “Fassinaro” poneva la parola fine alla prestazione di un Peruzzo che, da quel punto, mirava soltanto ad arrivare.

“Sulla seconda è andata anche peggio” – sottolinea Peruzzo – “perchè abbiamo fatto un bel dritto, finendo anche sotto le bandelle. Da quel punto in avanti, avendo anche perso la fiducia oltre che un distacco irrecuperabile, abbiamo cercato di evitare di fare danni peggiori. In trasferimento sono rimasto, per vari chilometri, senza freni ed ho dovuto usare soltanto il freno a mano. Una situazione ingestibile. L’errore è soltanto mio e di nessun altro. Sono deluso perchè non ho mai girato così male a Scorzè. Dopo il problema ai freni ho iniziato a perdere fiducia ed avevo il terrore che, vedendo tante auto parcheggiate nei fossi, potessi commettere qualche errore che avrebbe pregiudicato la trasferta in Spagna. È stata una gara da scordare.”

Ora per lo staff del team Galiazzo si prepara un programma cospicuo di rialzo, della trazione anteriore transalpina di Peruzzo, in attesa di gustare il piatto forte di questa stagione 2021 ovvero il ritorno in orbita di campionato del mondo, all’appuntamento spagnolo di metà Ottobre.

“Sono profondamente dispiaciuto” – conclude Peruzzo – “per Nicola, per tutto il team, per la scuderia e per i nostri partners ma, come si dice, non tutte le ciambelle escono con il buco. Archiviato Scorzè ora ci concentreremo a fondo per prepararci al meglio per la Spagna. Affronteremo un profondo rialzo della nostra Twingo e cercheremo di prepararci al meglio per il nostro ritorno nel campionato del mondo. Due anni fa, in Germania, è stata un’esperienza incredibile e sono certo che anche questa ci porterà dei ricordi che resteranno nei nostri cuori.”