La Prima categoria del Tor de’ Cenci è pronta al debutto in campionato. La prima giornata, prevista sul campo amico, sarà disputata nell’impianto del Fonte Meravigliosa (nell’inconsueto orario delle 17,30) per l’indisponibilità del “Mancini” che dovrebbe ritornare ad aprire i battenti in occasione della seconda sfida interna.

“E’ prevedibile che la nostra prima squadra possa avere delle difficoltà nella fase iniziale di stagione, ma il campionato è lungo e siamo fiduciosi di poter ben figurare”. L’analisi è di Mauro Barbanti, consulente della società capitolina che è rientrato nel Tor de’ Cenci prima della fine della passata stagione. “Da tempo c’è un’amicizia che mi lega al presidente Aldo Casarelli e al suo vice Antonio Pinna, poi quest’anno c’è stato l’ingresso di nuovi dirigenti che indubbiamente potranno dare un contributo prezioso alla società. Qui intorno, ormai, sono rimaste davvero poche associazioni calcistiche e anche il Tor de’ Cenci ha dovuto superare momenti molto complicati: il club ha resistito e dovrà continuare a farlo in questi mesi concentrando l’attività sulla Prima categoria e sulla Scuola calcio per poi cercare di riavviare tutto il resto”.

D’altronde Barbanti ha lavorato a lungo proprio nei settori giovanili (collezionando importanti esperienze con Tor Tre Teste e Romulea) ed ha il calcio nel dna visto che suo papà Lanfranco è stato allenatore delle giovanili di squadre professionistiche come Cagliari, Roma e Palermo (tra le altre). “In questa stagione cercherò di essere vicino alla Prima categoria perché amo il mondo del calcio in tutte le sue sfaccettature. Il gruppo guidato dai tecnici Alessandro Cecconi e Pietro Candi è molto giovane, ma ha tanto entusiasmo e si è allenato con grande costanza in queste prime settimane. La prima di campionato la giocheremo in un orario “strano”, su un campo non nostro e contro un avversario come l’Ostiense che ha sicuramente allestito un organico di livello grazie alla presenza nei quadri dirigenziali di Remo Diana. E’ una gara piena di incognite, ma sono convinto che i ragazzi cercheranno di fare il massimo”.