Arrivano risultati di spicco dai Campionati italiani juniores e promesse di prove multiple a Fabriano (Ancona). Nel decathlon under 20 c’è il nuovo progresso di Alessandro Sion (Safatletica Piemonte) con un altro passo avanti verso il record nazionale di categoria. Il 18enne torinese si porta a 7420 punti e incrementa decisamente il personale (7284 in questa stagione) con cui era già diventato il secondo junior italiano di sempre, accorciando le distanze nei confronti del primato di Dario Dester (7589 due anni fa). Sul podio anche il campione uscente Yoro Menghi (La Fratellanza 1874 Modena, 6771) e Christian Angeli (Atl. Valli di Non e Sole, 6687).

Al femminile tra le under 20 protagonista Greta Brugnolo (Atl. Riviera del Brenta) che cresce fino a 5421 punti. Era da diciassette anni, dal 2004, che non si vedeva una prestazione di questo tipo nella categoria in Italia. La non ancora 18enne veneziana di Spinea, al debutto in questa fascia di età, sale anche al settimo posto nelle liste italiane juniores alltime. Tra le sette gare, notevole soprattutto il 6,27 (+0.8) nel salto in lungo in apertura della seconda giornata. Già primatista under 16, è anche una specialista del triplo in cui più volte ha conquistato il tricolore. Alle sue spalle la trentina Giulia Riccardi (Gs Trilacum, 4822) e la piemontese Francesca Paolin (Atl. Castell’Alfero Tfr, 4638). Si migliora anche Marta Giaele Giovannini (Atl. Livorno), di nuovo campionessa italiana e stavolta tra le under 23. Per la giovane toscana, che quest’inverno ha vinto agli Assoluti indoor, un totale di 5504 punti (quasi cento di progresso) davanti a Teuta Cala (Nissolino Sport, 4972) e Chiara Sala (Gs Ermenegildo Zegna, 4946).