Porsche prima al traguardo
Porsche prima al traguardo

A partire dalla mezzanotte, il duello tra Porsche e Toyota per la vittoria a Le Mans era diventato acceso, ma nessuno si sarebbe atteso un finale simile. Prima dell’ultimo giro, Toyota sembrava in testa alla gara, ma il prototipo ha dovuto fermarsi in pista. Al giro successivo, ha tagliato il traguardo per prima la Porsche 919 Hybrid numero 2 di Romain Dumas (FR), Neel Jani (CH) e Marc Lieb (GER) di fronte ad una parte dei 263.000 spettatori che hanno assistito all’evento. Lo stesso trio di piloti, nel 2014 in Brasile conquistò la prima vittoria per il prototipo da 662 kW (900 CV).

Questo successo rappresenta la 18ª vittoria assoluta per Porsche nella gara automobilistica più impegnativa del mondo. Per il secondo anno consecutivo, uno dei trofei più ambiti al mondo se lo porta a casa Porsche, poiché il costruttore ha partecipato alla gara come detentore del record e del titolo. Nel 2015, i piloti Earl Bamber (NZ), Nico Hülkenberg (DE) e Nick Tandy (GB) vinsero con una Porsche 919 Hybrid. La prima vittoria assoluta per Porsche a Le Mans risale al 14 Giugno del 1970, e fu conseguita da Hans Herrmann e Richard Attwood a bordo di una 917 KH Coupé.

Romain Dumas, Marc Lieb
Romain Dumas, Marc Lieb

La seconda Porsche 919 Hybrid con il numero 1, condivisa dai campioni in carica di gare di durata Timo Bernhard (GER), Brendon Hartley (NZ) e Mark Webber (AU), ha dovuto fermarsi a lungo durante la notte per una riparazione, si è battuta al massimo delle possibilità ed è scivolata in 13a posizione assoluta. Nella classe LMP1 è arrivata quinta. Porsche ha totalizzato a Le Mans ben 71 punti nella classifica costruttori del Campionato Mondiale Endurance (WEC). Alla 24 Ore di Le Mans viene assegnato il doppio dei punti, come nelle altre gare di sei ore del campionato. Porsche guida la classifica costruttori con 127 punti, davanti ad Audi (95) e Toyota (79). Nella classifica piloti, Dumas, Jani e Lieb hanno ora 94 punti complessivamente e conducono per 39 punti.

Marc Lieb ha affrontato un impegnativo quadruplo turno di guida. A volte si è trovato in testa alla gara con la sua Porsche 919 Hybrid numero 2, prima di cedere il volante a Neel Jani alle 11:50, dopo 331 giri. Lo svizzero ha effettuato il rifornimento dopo 345, 359 e 373 giri. Dopo 381 giri ha dovuto fermarsi ai box per una foratura lenta, quindi, negli ultimi momenti della gara, un piazzamento in seconda posizione sembrava il miglior risultato possibile. Ma la Toyota, che era in testa, si è fermata in pista subito prima del giro finale.

Porsche Team
Porsche Team

La vettura gemella numero 1, precedentemente in testa ma scivolata in posizione 39 alle 23:13 dopo un guasto alla pompa dell’acqua, dopo 285 giri, alle 11:20, era nelle mani di Mark Webber che ha fatto rifornimento dopo 298 e 311 giri. Dopo 324 giri, Webber cede la guida a Timo Bernhard che, con l’assalto finale dopo 337 giri, conclude la gara in posizione 13, dopo aver coperto una distanza di 346 giri.

Fritz Enzinger, Vice Presidente LMP1: “Prima di tutto voglio esprimere tutto il mio rispetto per la straordinaria prestazione di Toyota. Quella con loro è stata veramente una grande sfida. Poco prima del traguardo ci eravamo assestati in seconda posizione, poi improvvisamente abbiamo ottenuto la nostra seconda vittoria consecutiva a Le Mans. Desidero ringraziare il nostro straordinario team a Weissach, il nostro team qui a Le Mans e tutti i dipendenti e i fan Porsche che ci hanno sostenuti in questa gara”.

Un momento della gara
Un momento della gara

Andreas Seidl, Direttore del Team: “Prima di tutto siamo sinceramente solidali con i nostri colleghi e amici di Colonia. Perdere una gara del genere in questo modo, all’ultimo giro, è una cosa che non augureresti al tuo peggior nemico. Ma questo è lo sport, con le sue luci ed ombre, ed è per questo che lo amiamo. È stata una vittoria combattuta duramente. Abbiamo dovuto mettere Toyota sotto pressione e spingere al massimo per tutta la corsa. Anche i nostri piloti erano al limite. La frequenza di avvicendamento alla testa della gara è stata elevatissima. Da quando abbiamo iniziato lo sviluppo e la preparazione per la 919 Hybrid, abbiamo sempre raggiunto ottime prestazioni. E questo vale sia per i nostri colleghi a Weissach sia per la squadra corse. Tanto sono soddisfatto per l’equipaggio della vettura numero due, quanto dispiaciuto per i ragazzi della vettura numero 1. Senza il guasto e la lunga riparazione, anche loro avrebbero potuto combattere per la vittoria. Vincere a Le Mans è il fiore all’occhiello della stagione ed è difficile credere che al nostro terzo anno abbiamo già vinto due volte. Adesso guardiamo avanti. Questa gara ci fa guadagnare molti punti, ed ora vogliamo difendere anche entrambi i titoli mondiali”.

Neel Jani, Andreas Seidl (Team Principal Porsche Team), Marc Lieb
Neel Jani, Andreas Seidl (Team Principal Porsche Team), Marc Lieb

Timo Bernhard: “Congratulazioni alla nostra vettura gemella e al Team Porsche, è una vittoria decisamente meritata. Hanno combattuto per la vittoria per 24 ore e alla fine eravamo molto vicini. Ovviamente, sono molto dispiaciuto per tutto il Team Toyota. Perdere una gara in questo modo è crudele. Nemmeno noi siamo stati fortunati, e mi spiace anche per Mark, Brendon e la nostra squadra. I ragazzi si sono impegnati molto e hanno fatto un ottimo lavoro per riparare la 919 Hybrid e rimetterla nuovamente in pista. Quest’anno siamo stati abbastanza sfortunati, ma siamo in grado di gestire la situazione. La nostra vettura era davvero veloce, potevamo correre agevolmente alla velocità di chi conduceva e almeno abbiamo guadagnato più punti per Porsche nel campionato costruttori. L’anno prossimo torneremo. Io non mi arrendo, voglio vincere qui con Porsche”.

Brendon Hartley: “Durante i turni di guida finali era importante che tutti i piloti rispettassero i tempi di guida al volante per guadagnare un po’ di punti. La nostra Porsche era in perfetta forma. Siamo tutti contrariati per i problemi che abbiamo avuto, ma tutti i membri del team hanno mostrato spirito combattivo e abbiamo tenuto le dita incrociate per la vettura gemella”.

Mark Webber: “Sono molto orgoglioso del team e fiero dei meccanici che hanno lavorato così duramente. È un onore guidare di nuovo per Porsche a Le Mans. Non è stata la nostra giornata, siamo stati sfortunati con la pompa dell’acqua. È stato il nostro grande problema e abbiamo perso molto tempo. Ma Timo e Brendon hanno guidato in modo incredibile. Alla fine abbiamo pregato tutti per la vettura 2 e, ovviamente, sono felice per i nostri compagni di team e per Porsche. Ma quello che è successo oggi a Toyota è veramente difficile da accettare e dobbiamo essere solidali con loro”.

Romain Dumas: “Siamo sinceramente dispiaciuti per Toyota. È stata un grande corsa. Ma, ovviamente, se si presenta la possibilità di vincere a Le Mans, non dici: no, grazie. In questo momento è impossibile rendersi conto di quello che è successo. Quest’anno i tempi sul giro erano leggermente più lenti a causa delle modifiche al regolamento.”

Romain Dumas
Romain Dumas

Neel Jani: “Mi si spezza il cuore per i piloti Toyota. Penso che qualsiasi pilota sappia come ci si sente. Non trovo le parole per descrivere quello che si prova a vincere a Le Mans. È una sensazione surreale. Abbiamo corso un’ottima gara, commettendo pochi errori, e abbiamo spinto la vettura al massimo. Questa vittoria è veramente, veramente speciale”.

Marc Lieb: “Non è stata una gara facile dal punto di vista del traffico e delle zone di rallentamento. Durante l’ultimo quadruplo turno di guida ero veramente al limite. Anche i primi tre giri sono stati piuttosto impegnativi, con sorpassi nel traffico e diverse situazioni rischiose. Nell’ultimo turno dovevo anche risparmiare carburante e soprattutto salvaguardare gli pneumatici anteriori, che iniziavano a perdere aderenza. Ho dato tutto ciò che potevo, adesso è il momento di metabolizzare tutto quello che è successo oggi”.