Tutto pronto per il weekend degli Europei a squadre a Chorzow, in Polonia. Due pomeriggi di sfide, con l’Italia che riparte dal quarto posto dell’ultima edizione a mezzo punto dal podio. Si torna nello stadio Slaski dell’en plein azzurro alle World Relays di inizio maggio, quando tutte e cinque le staffette si sono qualificate per le Olimpiadi di Tokyo. La prima giornata, quella di sabato, vedrà impegnati in tutto 24 atleti italiani, di cui 18 a livello individuale. E le due 4×100 metri: Federico Cattaneo, Fausto Desalu, Davide Manenti e Lorenzo Patta al maschile, nella gara che chiuderà il programma alle ore 19.14, mentre il quartetto femminile sarà composto da Irene Siragusa, Gloria Hooper, Anna Bongiorni e Vittoria Fontana (ore 19.08). Definiti anche i nomi delle velociste per i 100 metri di sabato (Gloria Hooper) e per i 200 metri di domenica (Dalia Kaddari). Non ci sarà nell’alto Gianmarco Tamberi, a causa di un fastidio al piede destro avvertito nell’allenamento di oggi pomeriggio.

Gli azzurri scenderanno in campo con un segno di lutto sulle maglie in ricordo di Alessandro Talotti, l’indimenticabile campione dell’alto scomparso meno di due settimane fa, a soli quarant’anni. In gara sette squadre: Italia con i padroni di casa e campioni in carica della Polonia, Germania, Francia, Gran Bretagna, Spagna e Portogallo. Si parte alle ore 15.30 e la prima a entrare in azione sarà la martellista Sara Fantini, alle prese con la speciale formula di questo evento: tre turni per tutti, ma solo i primi quattro proseguono con il quarto e ultimo tentativo. Poi dalle 15.38 toccherà all’asta con Roberta Bruni, sull’onda dell’entusiasmo per i tre primati italiani fino allo standard olimpico di 4,70 domenica scorsa a Rieti (qui la particolarità è data dall’eliminazione dopo quattro errori complessivi). Il via su pista con i 400 ostacoli di Alessandro Sibilio (ore 15.45), che in avvio di stagione ha abbattuto il record personale di oltre un secondo in 49.25, e di Linda Olivieri (alle 16.02).

Dopo il prestigioso successo in Diamond League, nella tappa inaugurale di Gateshead, torna in pedana nel lungo Filippo Randazzo alle 16.06. Sul rettilineo dello sprint, 100 metri alle 16.15 per Gloria Hooper (11.24 nello scorso weekend, quarta azzurra di sempre) e dieci minuti più tardi alle 16.25 per la matricola azzurra Lorenzo Patta (sceso a 10.13 nel meeting di Savona). Alle 16.42 il disco con la tricolore invernale Stefania Strumillo, quindi alle 16.47 la gara dei 3000 siepi con la campionessa nazionale Martina Merlo e alle 17.14 in gara l’ottocentista Elena Bellò, semifinalista agli Europei indoor.

Ancora big in pista. È il debutto stagionale sui 5000 metri (ore 17.27) di Yeman Crippa, l’uomo dei record del mezzofondo azzurro, trionfatore nell’ultima edizione degli Europei a squadre. Nel frattempo Leonardo Fabbri dalle 17.20 nel peso cercherà progressi rispetto alle ultime uscite. Sarà invece la prima volta in azzurro del ventenne mezzofondista Matteo Guelfo (cresciuto a 3:39.80), nei 1500 metri delle 17.49, e nel giavellotto il titolare è Roberto Orlando, che si è migliorato nelle ultime gare (77,51). Nei 400 metri l’Italia schiera un altro vincitore di due anni fa a Bydgoszcz, il primatista italiano Davide Re (ore 18.28) con Alice Mangione, di recente scesa a 52.54, tra le donne (18.10): entrambi di nuovo a Chorzow dove all’inizio di maggio hanno condotto al successo la 4×400 mista. Nel triplo alle 18.32 prova a riavvicinare i quattordici metri Dariya Derkach (13,90 in stagione) e nei 3000 metri spazio alla matricola Micol Majori. In attesa della seconda e conclusiva giornata, dalle 13.00 alle 16.15 di domenica.