Non bastano le buone risposte fornite nei primi due set al Club Italia Crai, che cede al tie-break dopo aver subito la rimonta dell’Acqua S.Bernardo Cuneo 2-3 (25-21, 25-23, 20-25, 28-30, 10-15).
Resterà sicuramente un pizzico di amaro in bocca agli azzurrini dopo questa sconfitta, arrivata dopo essersi imposti nei primi due parziali grazie ad una pallavolo efficace e ad una buona tenuta mentale, fattori che rappresentano dunque il punto da cui ripartire. Dopo aver concesso il terzo set, infatti, i ragazzi di Monica Cresta non hanno chiuso la gara nel quarto, dove dopo una lunga battaglia durata fino all’ultima palla, non sono riusciti a trovare il guizzo giusto sprecando due set point e permettendo alla formazione piemontese, a cui va il merito di essere rimasta lucida fino all’ultimo, di portare il match al tie-break. Nel quinto set, poi, sulle ali di una ritrovata fiducia Cuneo è riuscita a completare la rimonta portandosi a casa la vittoria (10-15). Top Scorer dell’incontro l’azzurrino Matheus Motzo, artefice di un ottima gara chiusa con 30 punti all’attivo.

Dopo la sosta di campionato prevista per il prossimo week-end, il Club Italia Crai riprenderà il proprio percorso sabato 16 febbraio con la seconda gara casalinga consecutiva contro Cisano Bergamasco.

Per quanto riguarda le scelte iniziali, il coach Monica Cresta ha optato per il sestetto composto da Salsi in palleggio, Stefani opposto, Motzo e Recine schiacciatori, Cianciotta e Mosca al centro e Federici come libero.
Nel primo set, dopo un avvio sottotono (4-10) gli azzurrini hanno rialzato velocemente la china trovando la parità anche grazie ad una serie positiva con Recine in servizio (14-14). Nella seconda metà, con Caio costretto a lasciare il campo per un infortunio al dito, i ragazzi di Monica Cresta sono riusciti a prendere il sopravvento (23-20), chiudendo avanti (25-21).
Anche nella seconda frazione è stata Cuneo a tentare l’allungo nelle prime battute (3-6). Proprio come nel set precedente, però, i ragazzi del team federale sono stati in grado di venirne fuori immediatamente trovando il vantaggio sul (16-15). Nel finale, poi, gli azzurrini sono stati più bravi a reggere mentalmente il botta e risposta conclusivo, chiudendo avanti (25-23).
Nel terzo set è ancora una volta la squadra di Serniotti a prendere l’iniziativa (5-11). Qui, a differenza dei due set precedenti, la formazione piemontese ha saputo gestire al meglio il risultato, contenendo i possibili capovolgimenti di fronte degli azzurrini, che avevano provato a rientrare in gara accorciando sul (15-19) grazie ai due ace di Gamba, subentrato a Stefani. Nel finale dunque è stata Cuneo a chiudere avanti (20-25).
Una vera battaglia il quarto parziale, che dopo i primi due punti del Club Italia con Zonta in battuta, è stato in bilico fino all’ultima palla. Qui, infatti, le due squadre si sono rese protagoniste di un lunghissimo botta e risposta (19-18). Nel finale, poi, dopo aver sprecato due match point (25-24), gli azzurrini non sono riusciti a trovare lo spunto decisivo, costringendosi al tie-break (28-30).
Nel quinto set, poi, spinti da una ritrovata fiducia gli uomini di Serniotti sono riusciti a completare la rimonta, allungando prima sul (5-10) e poi chiudendo avanti (10-15)

Monica Cresta: “Brutta gara da entrambe le parti, siamo partiti carichi nei primi due set ma poi non siamo riusciti a concretizzare quanto di buono fatto e questo è ciò per cui siamo più rammaricati. E’ vero che nei primi due parziali abbiamo risposto bene ma se poi non concretizzi finisce che le partite le vai a perdere. Mi aspettavo una reazione nel quarto set dopo avergli concesso il terzo ma non è arrivata e sul più bello abbiamo lasciato spazio a Cuneo. Nel tie-break poi loro hanno meritato. Spero che questa gara ci porti a ragionare sugli aspetti che dobbiamo migliorare, ora c’è la sosta e quindi ci sarà tempo per metabolizzare tutto e per preparare al meglio la prossima contro Cisano Bergamasco. Ovviamente incontr are Cuneo per me è sempre una grande emozione, ho trascorso sei anni con la maggior parte di questi ragazzi e dunque non posso che augurare il meglio ad ognuno di loro. Mi ha fatto piacere, inoltre, incontrare Serniotti finalmente su un campo di pallavolo, è un allenatore e una persona che stimo molto.”