Entra sempre più nel vivo la stagione dei grandi premi di trotto. Il Breda di Padova manda infatti in scena domenica prossima ben due dei tre eventi sui cui si fonda la sua primavera, il Città di Padova per i 4 anni ed il Padovanelle riservato agli anziani indigeni, entrambi Gruppi III con dotazione di 33mila Euro ciascuno.
Terzo appuntamento della stagione per la generazione ‘13, il Città di Padova al rinnovato scontro fra i vincitori dei due appuntamenti sin qui disputati – Uragano Trebì a segno nel Firenze e Una Bella Gar in rete nell’Andreani ad Aversa – aggiunge la presenza dalla rientrante Uma Francis, alla ricomparsa dopo una stagione 2016 molto positiva nella quale è spesso riuscita a mettersi in evidenza in un’annata caratterizzata dalla presenza del fenomeno Unicka. E’ l’occasione anche per rivedere all’opera Unicorno Slm, inviato di Wim Paal alla corte di Holger Ehlert a metà anno scorso dopo gran parte di carriera svolta in Svezia e da noi secondo dell’Orsi Mangelli proprio alle spalle della campionessa di Erik Bondo, il cui rapimento ha suscitato grande clamore mediatico in settimana.
Anche il Padovanelle ha un suo motivo di interesse tecnico evidente grazie al rientro di Ringostarr Treb, assente dall’impegno nel Nazioni del novembre scorso alla Maura di Milano. Una stagione super quella dell’anziano di Marco Scarton a livello internazionale, coronata in Italia dal successo nel Campionato Europeo. Ringostarr, altro allievo di Ehlert, è reduce dalla stagione di monta e quindi sarà da verificare all’atto pratico quale sarà il grado di condizione tenuto conto che gli impegni di spicco sono ancora di là da venire nel calendario. Essere e dimostrare sulla strada giusta però è senz’altro l’obbiettivo dichiarato della sua partecipazione alla classica veneta. A misurarlo un lotto eterogeneo, nel quale spicca la presenza del neo-vecchio Tesoro degli Dei, uno degli elementi di punta a 4 anni della sua generazione.