Continua la preparazione della Nazionale Maschile in vista dei Campionati Europei in programma dal 1 al 19 settembre in Polonia, Repubblica Ceca, Estonia e Finlandia. Come noto, gli azzurri, inseriti nella pool B che si giocherà a Ostrava affronteranno nell’ordine: Bielorussia (3/9 ore 14.15), Montenegro (5/9 ore 19), Bulgaria (6/9 ore 15.45), Slovenia (8/9 ore 15.45) e i padroni di casa della Repubblica Ceca (9/9 ore 19). In vista della 32esima edizione della rassegna continentale gli azzurri, che stanno lavorando a Mantova ormai da qualche settimana, affronteranno in due test match il Belgio domani e giovedì alle ore 18 (LIVE sul canale YT federale). I belgi, che giocheranno nella pool A in prog ramma a Cracovia con Polonia, Serbia, Ucraina, Grecia e Portogallo, sono stati affrontati 39 volte (30 vittorie italiane e 9 dei belgi) in precedenza.

Il doppio impegno con la nazionale allenata dallo spagnolo Fernando Munoz rappresenterà un momento importante per l’Italia che dopo i Giochi di Tokyo, affronterà un nuovo ciclo in vista della rassegna a cinque cerchi in programma a Parigi nel 2024. Come noto, a guidare il rinnovato gruppo azzurro in questa avventura ci sarà Ferdinando De Giorgi che dunque domani farà il proprio esordio sulla panchina azzurra.

Per De Giorgi, che in maglia azzurra da giocatore ha collezionato 330 presenze e vinto tre titoli mondiali (Rio de Janeiro 1990, Atene 1994, Tokyo 1998), un’edizione dei Campionati Europei (Stoccolma 1989) e cinque World League (1990 Osaka, 1991 Milano, 1992 Genova, 1994 Milano, 1995 Rio de Janeiro), l’emozione c’è: “Questa maglia la indosso già ormai da circa un mese quindi una prima parte dell’emozione è stata smaltita; certo è che domani proverò delle sensazioni nuove. Di sicuro, posso dire che finalmente si scende in campo per una partita e questo mi rende davvero, nuovamente, molto felice. Le sensazioni che regalano i match sono sempre uniche”.

Il CT azzurro prosegue poi parlando del suo gruppo (un mix tra esperti e più giovani con esperienza internazionale in stagione ai quali si aggiungono i due esordienti Piccinelli e Romanò) e del lavoro sin qui svolto: “Se penso a chi si è aggregato dopo i Giochi allora devo ammettere che i tempi sono stati davvero molto ristretti, ma del gruppo mi è piaciuta la disponibilità, la voglia di lavorare e la curiosità. Il gruppo è nuovo, ma è sicuramente stimolante e interessante il voler creare equilibri. In questo senso le partite che stiamo per affrontare ci daranno spunti e motivi di riflessione. Tutti noi abbiamo il desiderio di trasformare in partita ciò su cui abbiamo lavorato in questo periodo. Voglio vedere giocare la squadra che ho in testa, il nostro modo di stare in campo. In questo periodo si è lavorato su alcuni aspetti, ora è arrivato il momento di analizzare la risposta”.

Da questo punto di vista il Belgio è un buon avversario: “Loro sono sicuramente una buona squadra, composta da giocatori esperti, ma anche con nuovi e interessanti inserimenti soprattutto nel ruolo dei centrali. Molti di quei ragazzi conoscono il nostro campionato quindi rappresenteranno sicuramente un buon test per capire a che punto siamo.”

Dopo i test match verrà diramata la lista di 14 atleti che prenderà parte alla rassegna continentale; la partenza della squadra è fissata per il 31 di agosto.