La serie B1 femminile dello United Volley Pomezia conferma di avere una personalità fuori dal comune: a Isernia, sabato scorso, è arrivata la terza vittoria esterna consecutiva in altrettante gare disputate in questo campionato da neopromossa. La squadra del presidente Gianni Viglietti si è imposta per 3-1 sul campo del fanalino di coda del girone, ma la partita non è stata per nulla semplice come spiega il centrale classe 1996 Asia Fanella. “Temevamo molto questa sfida perché la classifica delle molisane non è affatto veritiera. Hanno alcune giocatrici di ottimo livello che sono state protagoniste di annate importanti in questa categoria e infatti la loro qualità è stata confermata dal campo. Nel primo set abbiamo avuto parecchie difficoltà, ma la cosa positiva è che non abbiamo mai perso la testa. Non ci siamo perse d’animo e abbiamo messo in campo molto più ordine, riuscendo a portare a casa la partita. La chiave del match è stato il terzo set conquistato in rimonta: per loro è stata una bella botta psicologica. Le tre vittorie esterne? Significa che questo gruppo ha personalità da vendere”.

Lo United Volley Pomezia è volato al quarto posto, alla pari con Trevi, ma nel gruppo allenato da coach Alessandro Nulli Moroni si preferisce mantenere un profilo basso: “Questo è un organico collaudato e questo finora ci ha avvantaggiato. Sapevamo dall’inizio che in una categoria più alta avremmo dovuto sudare in ogni sfida. Bisogna attendere come minimo la fine del girone d’andata per capire qualcosa di più sui reali valori del campionato”. Nel prossimo turno si torna a giocare tra le mura amiche contro Energia 4.0 San Benedetto: “Hanno tre punti in classifica, ma in questa prima fase pesa molto il calendario. Noi, comunque, vogliamo vincere la prima gara in casa”. La Fanella è uno dei volti nuovi dello United Volley Pomezia: “Giocavo a Cisterna in B1 e si vedeva già da fuori che questo gruppo era molto compatto. Ho trovato delle belle persone e ci divertiamo tanto, mi sono ambientata facilmente. Poi ho trovato un club organizzato e con le idee chiare e avevo voglia di misurarmi ancora in serie B1, per questo ho accettato la proposta del club pometino”.