Doppio appuntamento con i raduni tecnici per il Tiro a Volo italiano. Dopo il debutto 2017 dello Skeet la scorsa settimana, oggi tocca alla Fossa Olimpica ed al Double Trap.
Partendo dalla specialità guidata da Albano Pera, l’appuntato è fissato per le 19.00 di oggi sulle pedane toscane del Tav Montecatini Pieve a Nievole (PT) nel cui impianto il Direttore Tecnico Nazionale lavorerà fino a mercoledì 8 febbraio con le ladies Alessia Iezzi (Carabinieri) di Manoppello (PE), Alessia Montanino (Fiamme Oro) di Palma Campania (NA), Silvana Stanco (Fiamme Gialle ) di Winterthur (SUI), Deborah Gelisio (Carabinieri) di Mel (BL), argento a Sydney 2000 nel Double Trap, e Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore, Campionessa Olimpica dei Record a Londra 2012, e con i senior Simone D’Ambrosio (Fiamme Oro) di Crispano (NA), Valerio Grazini (Carabinieri) di Viterbo, Matteo Marongiu (Carabinieri) di Sassari, Daniele Resca (Carabinieri) di Pieve di Cento (BO), Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (AP), argento a Londra 2012, ed il campione dei campioni Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli, bronzo olimpico a Sydney 2000 e poi argento nelle edizioni di Atene 2004, Pechino 2008 e Rio 2016.

“Con questo primo appuntamento si apre il nuovo quadriennio – è stato il commento di Pera – Esattamente come accaduto fino ad ora, lavoreremo con impegno ed entusiasmo per preparare ogni singolo evento che ci vedrà protagonisti e, mattone dopo mattine, costruiremo la strada che ci porterà in Giappone fra quattro anni”.
Location umbra, invece, quella scelta dal Direttore Tecnico del Double Trap Mirco Cenci, che porterà i suoi tiratori sulle pedane del Tav I Moschettieri del Nera di Terni.

Da oggi a mercoledì 8 i protagonisti del raduno saranno Stefano Ales di Tivoli, Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC), Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA), Ignazio Maria Tronca (Fiamme Oro) di Milano, Daniele Di Spigno (Fiamme Oro) di Terracina (LT), pluricampione del Mondo, e Marco Innocenti di Montemurlo (PO), vincitore di uno splendido argento all’Olimpiade brasiliana dello scorso anno.
“Questo è il primo appuntamento del nuovo anno dopo la positiva stagione del 2016 – ha spiegato il DT – Grazie agli investimenti della Federazione, all’impegno profuso da me e dai tiratori con cui ho lavorato, oggi la Nazionale Italia di Double Trap è una delle più forti al mondo e può contare sul contributo di tiratori con una grande esperienza e su giovani di talento”. Cenci si è anche lasciato andare ad un commento sulla questione che vede la sua specialità al centro di una proposta di esclusione dal programma olimpico a partire da Tokio 2020 “Siamo ad un bivio che, ahimè, non dipende dalla nostra volontà – ha detto molto amareggiato – Eliminarci dai Giochi porterebbe al Tiro a Volo mondiale ad un salto indietro di oltre 20 anni. Spero vivamente che chi detiene il potere decisivo si renda conto che farlo sarebbe davvero un grave errore. Non solo per il fatto che si distruggerebbe la vita di quanti, e non sono pochi, hanno investito tempo e denaro per questo sport, ma anche e soprattutto per lo sport stesso. Al momento la proposta è quella di sostituire il Double Trap con il Mixed Team (Coppia mista, ndr) di Fossa Oliumpica, cosa che non porterebbe a nessun incremento del numero dei partecipanti. Noi, invece, proponiamo il di sostituire alla gara individuale maschile il Mixed Team di Double Trap, riaprendo le pedane alle donne della nostra specialità. Questo si porterebbe ad una crescita dello sport del Tiro a Volo. Ne siamo convinti e lo dimostrano i fatti. Il 18 febbraio al Tav Umbriaverde-Todi di Massa Martana ci sarà la prima gara Mixed Team di Double ed abbiamo già avuto tantissime adesioni da parte di tiratrici che non vedono l’ora di potersi esprimere in pedana”.