Si è svolta a Roma una partita di Calcio a 5 Unificato sui generis. Il potere dello sport Special Olympics ha infatti coinvolto, per la prima volta in un campo di calcio in Italia, Mojo Rawley ed Ember Moon. I due campioni di Wrestling della WWE hanno eccezionalmente indossato la divisa da calciatori per scendere in campo a giocare unificato, uno contro l’altro, schierati in squadre miste composte da atleti e partner, con e senza disabilità intellettive.

Il risultato più importante è andato al di là della performance meramente sportiva e si è palesato in una sorprendente dimostrazione di inclusione.Giocare insieme permette di abbattere ogni diversità, unendo sullo stesso campo di gioco le forze di due mondi così distanti come quello di Special Olympics e del Wrestling. Il comune denominatore è stato senz’altro la “lotta”, rivolta questa volta alla discriminazione e al pregiudizio nei confronti delle persone con disabilità intellettive.

“Abbiamo potuto constatare con i nostri stessi occhi quanto potere abbia lo sport di riunire le persone e non potremmo essere più entusiasti ed orgogliosi di aver giocato unificato con gli atleti di Special Olympics Italia!”
Questa la dichiarazione a bordo campo dei due Wrestler che si son detti altresì onorati di aver giocato con una rappresentativa azzurra di atleti e partner Special Olympics che parteciperà ai prossimi Giochi Mondiali Estivi ad Abu Dhabi, dal 14 al 21 marzo 2019, portando alti i colori del nostro Paese. Parteciperanno circa 7.000 atleti Special Olympics provenienti da tutto il mondo e i loro 2.500 coach. Lo stesso Abu Dhabi coinvolgerà circa 20.000 volontari e fino a 500.000 spettatori.

La Delegazione Italiana che parteciperà ai Giochi Mondiali di Abu Dhabi è composta da 115 atleti, 39 tecnici e 3 delegati per un totale di 157 azzurri.

Special Olympics Italia ha lanciato la Campagna di raccolta fondi “Adotta un campione” con l’ obiettivo di coprire le spese della trasferta degli atleti italiani all’evento.