(PHOTO ELVIS)
(PHOTO ELVIS)

In occasione della cerimonia di chiusura della 65.m edizione del Trofeo Cinque Nazioni di sci, svoltosi in Valle di Fiemme dal 26 al 29 marzo 2018, le Fiamme Gialle hanno radunato a Cavalese la prima e l’ultima medaglia d’oro olimpica del Centro Sportivo della Guardia di Finanza: Franco Nones (oro nella 30 km di Grenoble 1968) e Sofia Goggia (oro nella discesa libera a PyeongChang 2018). Insieme a loro anche gli olimpionici della Sezione Paralimpica Giacomo Bertagnolli e la sua guida Fabrizio Casal, che hanno completato con il loro poker di medaglie a cinque cerchi un parterre davvero stellare, il modo migliore per concludere questa splendida edizione della rassegna sportiva invernale riservata ai campioni appartenenti ai Corpi di Polizia Doganale di Austria, Francia, Germania, Svizzera e Italia. L’edizione 2019 sarà organizzata dall’Austria a Galtur.

Così l’ultima giornata
Quattro podi targati “Fiamme Gialle” nella seconda ed ultima giornata di gare della 65^ edizione del Trofeo Cinque Nazioni di sci in Valle di Fiemme (TN). Nello slalom maschile, disputato sulle nevi di Pampeago, il finanziere Stefano Gross ha conquistato la medaglia d’argento chiudendo a 45 centesimi dal tedesco Linus Strasser che ha vinto la gara con il tempo complessivo di 1’19”29. Sul terzo gradino del podio ancora la Germania con Fritz Dopfer, staccato di 91 centesimi, mentre Dominik Stehle è il primo dei “terrestri” ad oltre 2 secondi dal compagno di squadra. Fra i big in gara troviamo Riccardo Tonetti in quinta posizione davanti ai favoriti Julien Lizeroux e Alexis Pinturault, rispettivamente 6° e 7°. L’altro grande favorito, Victor Muffat-Jeandet, ha commesso un grave errore nella prima manche concludendo poi al 14° posto appena davanti al velocista Christof Innerhofer. Doppietta austriaca, invece, nello slalom femminile con il successo che è andato a Katharina Liensberger davanti al bronzo di PyeongChang Katharina Gallhuber (+1”83). Prima italiana, splendida terza, la “Fiamma Gialla” Michela Azzola staccata di 2”62. Quarta posizione per Lena Duerr davanti a Nastasia Noens, Carmen Thamann e Johanna Schnarf.

La macchina organizzativa, a regia Fiamme Gialle, del Trofeo Cinque Nazioni si è quindi spostata a Passo Lavazè dove si sono disputate la staffetta sprint femminile a tecnica libera di fondo e la spettacolare pattuglia maschile di fondo e tiro. Nella gara a coppie femminile la vittoria, al termine di un incerto testa a testa nel finale, è andata alla coppia tedesca composta da Elisabeth Schicho e Anna Kolb con quest’ultima che è riuscita negli ultimissimi metri di gara ad avere la meglio sulla nostra Greta Laurent, oggi in coppia con una brillante Lucia Scardoni. A completare il podio l’altra formazione della Germania con le biathlete Franziska Preuss e Vaness Hinz. L’ultima gara del Trofeo ha quindi visto protagonisti fondisti e biathleti, in una competizione ad alto contenuto di spettacolo che ha visto primeggiare, sui primi due gradini del podio, le formazioni di Francia 1 (Manificat/Gaillard/Fillion) e Francia 2 (Backsheider/Jay/Beatrix) finite rispettivamente al primo e secondo posto con due penalità ciascuna al tiro. Grande, grandissima la prestazione della squadra delle Fiamme Gialle con il combinatista Alessandro Pittin insieme a Giandomenico Salvadori e al biathleta Andreas Plaickner che hanno conquistato una splendida medaglia di bronzo grazie soprattutto al doppio en-plein al tiro di Plaickner, unico fra i biathleti a non aver commesso alcuna penalità al poligono.