Mo Farah
Mo Farah

Le stelle dell’atletica illuminano lo stadio olimpico di Rio de Janeiro, tra conferme e nuove ascese sul gradino più alto del podio. Il britannico Mo Farah è ancora re dei 10000 metri (27:05.17), bissando l’oro di Londra 2012 nonostante una caduta poco prima di metà gara. Il titolo dei 100 va alla giamaicana Elaine Thompson, al traguardo in 10.71 (v. +0.5, argento alla statunitense Tori Bowie, 10.83, bronzo alla bicampionessa olimpica di Pechino e Londra, la giamaicana Shelly-Ann Fraser-Pryce, 10.86). L’oro del lungo, al termine di una prova ricca di colpi di scena, finisce al collo dello statunitense Jeff Henderson, 8,38 (v. +0.2), con il campione uscente, il britannico Greg Rutherford terzo (8,29, +0.3), preceduto dal sudafricano Mayonga (8,37). Anche nell’Eptathlon lo scettro passa di mano: vince la 21enne belga Nafissatou Thiam (6810 punti), che resiste al ritorno di Jessica Ennis-Hill, la campionessa di Londra, qui all’argento (6775); bronzo alla canadese Brianne Theisen-Eaton (6653). Nelle semifinali degli 800 metri, Giordano Benedetti è eliminato (sesto in 1:46.41, primato stagionale).