Un’altra giornata di grandi numeri al Multieventi Sport Domus di San Marino, dove si è appena conclusa la due giorni dedicata alle Finali dei Campionati Italiani Assoluti di Pesistica Olimpica. Dopo le ottime prove di campioni come Giulia Imperio, Sergio Massidda e Oscar Reyes, i record del Campione Olimpico giovanile Cristiano Ficco, oggi sono stati incoronati altri 8 Campioni Assoluti.

Una giornata incorniciata dalla presenza di Eileen Cikamatana, atleta australiana che sarà protagonista ai prossimi imminenti Campionati del mondo, e che da qualche giorno si sta allenando al Centro di Preparazione Olimpica di Roma, con la Nazionale Italiana. Cikamatana, come sempre accompagnata dal suo allenatore Paul Coffa, Segretario generale della Federazione Pesistica dell’Oceania e del Commonwealth, è salita sulla pedana nella categoria fino a 81 kg, facendo registrare numeri da capogiro pur senza pur senza entrare nella competizione! Per lei un totale di ben 251 kg, 111 di strappo e 140 di slancio.

E’ Ivan Prisco il 1° Campione della seconda giornata di gare alle Finali dei Campionati Italiani Assoluti di Pesistica Olimpica. Il 21enne conquista ben 3 medaglie d’oro, surclassando gli avversari e conquistando il suo primo podio assoluto! 300 kg di totale per lui (135 + 165), che domina la categoria fino a 96 kg. Dietro di lui è lotta per l’argento: la spunta Vincenzo Daniele Garzia con 281 kg di totale (126 + 155), bronzo per Andrea Ferrero con 279 (123 + 156)

3° titolo Assoluto in carriera per Clemente Mannella, che conquista il gradino più alto del podio nella categoria fino a 102 kg, al termine di una bella lotta con Marco Bitti, superato di un solo kg! Unica prova di strappo per lui a 135 kg, che gli valgono il bronzo di specialità; Mannella ingrana poi la marcia giusta nello slancio superando di ben sette lunghezze (174 kg) il diretto avversario e colmando il gap. Per lui un totale di 309 kg, 308 per Marco Bitti (141 + 167), bronzo per Pietro Giovanni Noto con 295 (135 + 160).

Campione Italiano Assoluto nella categoria 109 kg, per la seconda volta consecutiva è il siciliano Alessandro Vinci, con un totale di 303 kg (139 + 164); argento per Mirco Brandi con 281 kg (125 + 156), bronzo con la stessa misura (arrivata in un secondo momento) per Vittorio Cabras (121 + 160).

E’ un emozionatissimo Christian Arena a conquistare il tanto desiderato titolo di Campione Italiano Assoluto della categoria +109 kg. Deve aspettare l’ultima alzata per poter esultare e salire sul gradino più alto del podio con un totale di 325; per lui argento di strappo con 140 kg, dietro il diretto avversario Nenad Kuzic, oro con 147. Arena si riscatta però con lo slancio dove arriva a quota 185 per un totale di 325 kg, davanti a Kuzic con 323 (slancio a 176); bronzo per Riccardo Magris con 297 (135 + 162).

E’ un’inossidabile Carlotta Brunelli e conquistare il titolo di campionessa assoluta italiana nella categoria fino a 76 kg. Tre indiscutibili ori per lei con un totale di 190 kg (90 + 100) mentre dietro di lei è lotta per l’argento: se lo aggiudica Elisa Sundas con 175 kg (80 + 95) mentre il bronzo va a Gaia Siena con 173 kg (78 + 95). A conquistare lo scettro di Campionessa nella categoria 81 kg, è la neofita Francesca Ponti che si è innamorata da pochissimo della pesistica dopo un passato nella scherma. Dopo il bronzo di strappo (75 kg), la modenese si fa valere nello slancio dove guadagna terreno sulle avversarie; per lei un totale di 176, oro davanti a Elisa Crovato, argento con 170 kg (75 + 95), e a Kegne Toko con 169 (81 + 88). Con un totale di 180 kg, Federica D’Annunzio conquista il titolo di Campionessa Italiana Assoluta per la prima volta nella sua carriera. Per lei uno strappo a 80 kg e uno slancio a 100. Una vittoria senza ombre per D’Annunzio, avanti di diverse lunghezze rispetto alle avversarie: l’argento va a Francesca Semeraro con 158 kg (72 + 86), il bronzo a Maria Napoli con 151 (64 + 87). Appassionante e combattuta fino all’ultima alzata la gara della +87 kg, dove la spunta Irene Scarpisi, ex martellista che ha da pochissimo deciso di dedicarsi ai pesi. Per lei un totale di 160 kg (69 + 91), uno solo in più di Gabriella Maria Battaglia, oro di strappo con 73 kg, che ha però dovuto cedere all’incalzare della giovanissima avversaria nello slancio. Bronzo a Veronica Barnaba con 150 (67 + 83).