Motocross
In classifica di giornata Bernardini ha portato a casa un ottimo 10° posto

Il GP della Thailandia è forse il più duro, dal punto di vista fisico, dell’intero Mondiale Motocross. Nel fine settimana la temperatura di oltre 40° gradi ha creato molti problemi ai piloti e Samuele Bernardini, impegnato nella MX2 e alla sua prima volta sulla pista asiatica, ha accusato alcuni problemi di tenuta.

Nella manche di qualifica Bernardini ha messo in mostra una eccellente partenza e al termine del primo giro era secondo dietro a Herlings; Samuele ha tenuto la posizione per diversi minuti e solo nelle battute finali ha perso terreno chiudendo in ottava piazza.

Al via della prima manche di gara Bernardini è stato ancora molto bravo. Il giovane pilota supportato dalla FMI, in sella alla sua TM 250 è riuscito ad inserirsi nelle primissime posizioni e grazie ad un ottimo ritmo di gara è passato sotto la bandiera a scacchi ancora una volta in ottava posizione. Ma è nella seconda manche dove Bernardini ha regalto una prima parte di gara esaltante, passando in seconda piazza nel rettilineo opposto alla partenza e difendendo la posizione per alcuni giri, battagliando con il coltello tra i denti anche per la terza posizione. Purtroppo Samuele ha usato tutte le sue energie per tenere un ritmo altissimo e nel corso del 10° giro si è dovuto fermare in pit lane per reidratarsi. Bernardini non ha perso la sua proverbiale grinta rientrando in pista, chiudendo la sua gara 12°.

In classifica di giornata Bernardini ha portato a casa un ottimo 10° posto per il TM Racing Factory Team e ora in campionato si trova in sesta posizione con 47 punti.

Marco Ricciardi, Team Manager TM, ha commentato così la gara: “Siamo molto contenti di quello che ha fatto Samuele. Ha dimostrato quanto la nostra moto sia migliorata e lui è stato fenomenale; peccato solo per la seconda manche in cui ha avuto problemi di resistenza a causa del caldo terribile. Queste prime due gare ci fanno ben sperare per le prossime. Continueremo a lavorare per fare sempre meglio, ora torniamo a casa gustandoci questo sesto posto in classifica”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here