Il punto del 2-1 segnato da Federico Celli al 3° inning (foto K73/NADOC)

San Marino conduce 2-1 nelle Italian Baseball Series dopo aver vinto gara3 al “Gianni Falchi” al termine di una bella sfida caratterizzata dalle grandi prestazioni dei lanciatori, con i line-up che hanno cercato di sfruttare le poche concessioni ricevute. La squadra di Doriano Bindi, ad un passo dal quinto scudetto, ha approfittato di un momento difficile di Raul Rivero per farlo capitolare quattro volte al 3°, mentre i campioni d’Italia hanno anticipato l’uscita di Carlos Quevedo, segnandogli due punti. Nel resto della gara i “tiradores” (ottima la prova di Henry Centeno, che ha collezionato 10 kappa) delle due formazioni hanno avuto la meglio sui battitori: l’UnipolSai ha rimediato 18 strike out, San Marino 12. Garbella ed Epifano sono riusciti comunque a brillare con due punti spinta a casa a testa, mentre Bertossi ha portato i suoi dall’1-4 a 3-4. I felsinei hanno lottato fino all’ultimo: si sono trovati con corridori agli angoli senza eliminati, ma un out evitabile di Bertossi ha rianimato gli ospiti, che con un pizzico di affanno hanno chiuso il match.

Alla fine però brindano i Titani che giovedì sera, con Tiago Da Silva (vincente in gara1) che sfiderà Scotti (il vincente di gara2) o Bassani.

Il primo scatto di gara3 è dell’UnipolSai che mette in tasca l’1-0 nell’inning d’apertura. Van Gurp apre la ripresa con un gran doppio a destra e corre in terza sulla battuta profonda di Dobboletta, preso al volo da Giovanni Garbella. La bella radente che scavalca Angulo permette al seconda base della Fortitudo di correre a casa.

La partita cambia padrone al 3° attacco San Marino, con gli ospiti che segnano 4 punti con nove battitori passati nel box. Raul Rivero elimina Tromp, prima di  concedere la valida a Ferrini e Celli. Dopo l’eliminazione in diamante di Angulo, dalla panchina viene chiamata l’intenzionale a Sechopoulos, ma Giovanni Garbella porta a casa due punti con un singolo a sinistra e altrettanti arrivano sulla lunga valida al centro del Falchi di Epifano.

Bologna rientra prepotentemente in partita al 4° tentativo: le valide di Martini e di Leonora (la prima nella serie dopo nove turni) e la base a Marval riempiono tutti i cuscini. Quevedo effettua la sesta eliminazione al piatto della serata poi viene rilevato da Centeno, il partente di gara1: strike out Liberatore, ma Bertossi piazza una valida davanti a Tromp che fa segnare Martini e Marval il 3-4 e manda Leonora in terza. Il rilievo fa fuori però Dreni.

San Marino mette il punto del 5-2  sul tabellone al 7° grazie a Federico Celli: l’esterno centro va in base, ruba la seconda  e corre in terza sull’errore di tiro di Liberatore e a casa sulla valida a sinistra di Angulo.

Bologna continua però a crederci e apre la  nona ripresa con un potente doppio di Liberatore, spinto in terza dal singolo di Bertossi, che viene poi colto in ballerina (dopo l’instant replay), Monti rimane al piatto, mentre Angulo si supera assistendo a Sechopoulos la secca battuta di Agretti per l’out che permette a San Marino di festeggiare al secondo successo esterno e fa calare il silenzio sul Falchi, che ha presentato una straordinaria cornice di pubblico.

Italian Baseball series. UnipolSai Bologna-San Marino 1-2 (4-6  al 12°, 17-7, 3-5). Gara4, mercoledì 18: San Marino-Bologna (diretta su Fibs TV, Ms Sport e Ms Channel, prepartita dalle 20); ev. gara5, domenica 22: Bologna-San Marino.