Sono partiti questa mattina all’alba – dall’aeroporto di Fiumicino – per raggiungere Málaga, la cittadina spagnola che ospiterà il 39° Campionato del Mondo di Fossa Universale: i sedici Azzurri del Commissario Tecnico Sandro Polsinelli saliranno in pedana per il primo giorno di gara giovedì 5 agosto, con la finale in programma domenica 8. La competizione, che vede circa 350 atleti iscritti provenienti da tutto il mondo, si disputerà sul campo di tiro Jarapalo di Alhaurín de la Torre, Málaga: si spareranno 50 piattelli al giorno, per un totale di 200 bersagli. Nonostante le tante difficoltà legate alle restrizioni per pandemia, l’umore è alto: i nostri atleti sono carichi, preparati, concentrati non solo sulla gara, ma anche sulle numerose precauzioni richieste dall’emergenza sanitaria purtroppo ancora in corso. “Sono contento di partire con la squadra al completo. Siamo pronti e determinati, abbiamo lavorato molto e lo spirito di squadra è eccellente. Il programma è ricco ed impegnativo. Inizieremo subito, già lunedì pomeriggio, con gli allenamenti ufficiali e poi ci atterremo con dedizione ai protocolli previsti. Purtroppo saremo, ancora una volta, costretti a restare isolati per osservare tutte le norme dettate dalle Autorità Sanitarie: tutto ciò, sicuramente, smorzerà il tono della festa, ma saremo orgogliosi di attenerci scrupolosamente alle direttive prescritte, perché sappiamo bene quanto sia importante, in momenti così delicati e particolari, collaborare con gli organismi che stanno lavorando per superare questo terribile periodo pandemico – ha commentato il C.T. Polsinelli alla vigilia della partenza – Desidero ringraziare il presidente Luciano Rossi e tutto lo staff federale per la collaborazione e per la fiducia che continuano a riporre in me e tutti coloro che ci sostengono con il loro affetto e con la loro stima”. La rappresentativa italiana farà rientro in Italia lunedì 9 agosto.