“Così come il mondo sportivo della nostra città aveva già ampiamente previsto e dibattuto anche con chi oggi governa in Campidoglio, nessuna domanda di partecipazione è pervenuta per i bandi per la concessione di tre impianti sportivi comunali che sono stati recentemente pubblicati da parte dell’Amministrazione Raggi come si evince dalla consultazione del sito istituzionale“.
Così in un comunicato Fabrizio Ghera, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Regione Lazio, Andrea De Priamo, capogruppo di Fdi Assemblea Roma Capitale, Francesco Figliomeni Fdi, vicepresidente dell’Assemblea di Roma Capitale e membro commissione Sport di Roma Capitale, Alessandro Cochi (nella foto in primo piano), delegato Sport della Federazione Romana di Fdi.
“Va ricordato che tali bandi sono stati predisposti sulla base del tanto pubblicizzato nuovo regolamento per gli impianti comunali che oramai da ben due anni è stato approvato- spiegano i politici di FdI- Ebbene questi sono i risultati, dopo già alcuni rinvii, figli di una logica assurda in base alla quale vengono chiesti rilevanti investimenti ad associazioni e società’ sportive con periodi di concessione troppo ridotti per poter rientrare dell’investimento effettuato su una struttura ovviamente pubblica in quanto di Roma Capitale, garanzie tutte a carico del privato, oneri e margine di rischio evidentemente valutati negativamente dagli operatori del settore”. “Insomma in 44 mesi dei 5 bandi pubblicati- continuano- tre sono andati deserti, di uno, quello della piscina di via Taverna, (14esimo municipio) non si ha da mesi alcuna notizia e l’impianto resta tristemente chiuso, di un altro, quello della storica piscina della ‘Lazio nuoto nel popolare quartiere della Garbatella, questi giorni in festa per il suo centenario, sappiamo che è stato aggiudicato a una società sportiva, ma che vi sono stati ricorsi al Tar il cui esito definitivo ancora non è stato raggiunto”.