Dopo la lite con Saelemakers al termine di Milan-Lazio, per Maurizio Sarri arriva la stangata del Giudice sportivo: due giornate di squalifica, che impediranno al tecnico biancoceleste di sedersi in panchina per le sfide contro Cagliari e Torino.

Nel comunicato si precisa che la prima giornata è stata comminata «per aver cercato uno scontro verbale con un calciatore della squadra avversaria,

assumendo un atteggiamento intimidatorio e inveendo contro il medesimo con parole minacciose», mentre la seconda per avere «nel tunnel che conduce agli spogliatoi, contestato la decisione arbitrale proferendo espressioni blasfeme».