Tokio 2020
Tokio 2020

Studiare, capire, ambientarsi, ascoltare le risposte del proprio corpo e trarne giovamento quando in palio ci sarà una medaglia olimpica. A un anno dai Giochi Olimpici di Tokyo cinque marciatori azzurri sono partiti per il Giappone, dove rimarranno per oltre due settimane, fino al 12 agosto, nello stesso arco temporale dell’evento a cinque cerchi del 2020. Sono volati stamattina da Fiumicino in direzione Tokorozawa (nell’hinterland di Tokyo) il bronzo mondiale ed europeo della 20 km Antonella Palmisano (Fiamme Gialle), il primatista italiano della “venti” Massimo Stano (Fiamme Oro) e gli altri marciatori allenati da Patrizio Parcesepe: Mariavittoria Becchetti (Cus Cagliari), Francesco Fortunato (Fiamme Gialle) e Andrea Agrusti (Fiamme Gialle). Un’iniziativa che nasce dalla collaborazione tra FIDAL, Istituto di Medicina e Scienza dello sport del CONI e Preparazione Olimpica, con l’obiettivo di estendere anche ad altre discipline la conoscenza acquisita: un patrimonio da condividere con il resto dello sport italiano. Saranno approfonditi e verificati una serie di parametri fisiometabolici, meccanici, di adattamento al fuso orario e al caldo umido, grazie a procedimenti in linea con le più recenti innovazioni in ambito di ricerca scientifica. Già nella scorsa stagione i marciatori azzurri hanno frequentato le strutture sportive di Tokorozawa preparando i Mondiali a squadre di Taicang. Tre di loro (Palmisano, Stano e Becchetti) sono già convocati per i Mondiali di Doha (27 settembre-6 ottobre).