Ancora protagonista Sara Dossena. L’azzurra ha vinto la 19ª Maratonina Internazionale Città di Udine con il tempo di 1h10:10 per togliere quasi mezzo minuto al record personale sulla distanza. Nella scorsa stagione la 33enne lombarda aveva infatti corso in 1h10:39 alla mezza maratona svizzera di Lugano. Un altro risultato significativo per la portacolori del Laguna Running, che quest’anno si è piazzata sesta nella maratona agli Europei di Berlino in 2h27:53 con oltre un minuto e mezzo di progresso, conquistando la medaglia d’argento a squadre, e poi tre settimane fa ad Alberobello si è aggiudicata il titolo tricolore dei 10 km su strada. Quello di oggi, malgrado la pioggia, è il miglior crono di un’italiana sui 21,097 chilometri nelle ultime quattro stagioni. Prosegue così il suo percorso di preparazione verso la maratona di New York del prossimo 4 novembre, quando tornerà tra i grattacieli della Grande Mela dove nel 2017 aveva fatto l’esordio nei 42,195 chilometri. Podio tutto keniano al maschile con il primo posto del keniano Moses Kemei Kipngetich in 1h01:14.

Seconda uscita agonistica sui 21,097 chilometri in una settimana per Valeria Straneo. La primatista italiana di maratona si è messa di nuovo alla prova alla Hipporun – Mezza Maratona di Vinovo, dove si è piazzata terza in 1h13:52. Quest’anno la 42enne alessandrina del Laguna Running, due volte sul podio internazionale (argento ai Mondiali 2013 e poi anche agli Europei 2014), è rimasta a lungo ai box per problemi fisici ma domenica scorsa era rientrata con la vittoria in 1h13:16 alla Mezza di Monza. Oggi la terza edizione della gara con arrivo all’interno dell’ippodromo alle porte di Torino è andata all’etiope Gete Alemayehu con 1h13:02. Al traguardo anche altre azzurre: sesta la pediatra valdostana Catherine Bertone (Atl. Sandro Calvesi, 1h16:14) e settima Fatna Maraoui (Esercito, 1h16:42), entrambe argento a squadre di maratona alla rassegna continentale di Berlino, più dietro la campionessa italiana sulla distanza Sara Brogiato (Aeronautica), nona in 1h18:31. Tra gli uomini il bronzo europeo di maratona Yassine Rachik (Atl. Casone Noceto, 1h06:09) chiude al nono posto tallonato dal vicecampione continentale di corsa in montagna Cesare Maestri (Atl. Valli Bergamasche Leffe, 1h06:16), decimo. Nella volata per il successo riesce a spuntarla l’etiope Deme Tadu Abate (1h02:12).