Penultimo atto della Wanda Diamond League 2021, ultima occasione per volare verso la doppia serata finale di Zurigo della prossima settimana, l’8 e il 9 settembre. Il Memorial Van Damme di Bruxelles celebra l’undicesima tappa del massimo circuito internazionale, nella serata di domani (venerdì 3 settembre), allo stadio Re Baldovino della capitale belga, una delle cattedrali più luccicanti dell’atletica mondiale. Fari puntati su alcune delle medaglie d’oro delle Olimpiadi di Tokyo e su due italiani, il saltatore in lungo ottavo ai Giochi Filippo Randazzo (Fiamme Gialle) e la saltatrice in alto Alessia Trost (Fiamme Gialle). Per Randazzo è la terza partecipazione stagionale in Diamond League: a maggio ha avuto l’onore di vincere la tappa di Gateshead grazie a un salto ventoso da 8,11, dopodiché è stato sesto all’Herculis di Montecarlo con 7,92. In Belgio il catanese ritroverà un altro dei finalisti olimpici, lo spagnolo Eusebio Caceres (quarto in Giappone con 8,18), e incontrerà il sudafricano bronzo mondiale del 2017 Ruswahl Samaai, lo statunitense da 8,26 fresco vincitore a Rovereto Steffin McCarter e il francese neo campione del mondo juniores Erwan Konate. Tutte le migliori avversarie nell’alto per Alessia Trost: attese in pedana le prime cinque classificate delle Olimpiadi, dalla russa medaglia d’oro Mariya Lasitskene, all’australiana argento Nicola McDermott, all’ucraina di bronzo Yaroslava Mahuchikh fino alla quarta (Iryna Gerashchenko, Ucraina) e alla quinta (Eleanor Patterson, Australia).

Tanti i motivi d’interesse della serata di Bruxelles, a partire dal nuovo possibile assalto al record del mondo da parte di Armand Duplantis (Svezia), il padrone incontrastato del salto con l’asta, vincitore anche a Parigi con 6,01 prima di tre tentativi mancati a 6,19. Torna in pista anche Sifan Hassan, due ori a Tokyo (5000 e 10.000, più il bronzo nei 1500), di nuovo in azione allo stadio Re Baldovino dopo il record mondiale dell’ora di corsa siglato nella scorsa edizione. Stavolta l’olandese si presenta sul miglio, distanza della quale è primatista del mondo in virtù del 4:12.33 di Montecarlo nel 2019.