Indre Sorokaite of Italy spike

È arrivato l’ottavo successo nella VNL per la nazionale italiana femminile, vincitrice in serata al Pala Barton di Perugia 3-0 (25-19, 25-21, 25-20) sulla Bulgaria.
Sotto gli occhi del presidente Pietro Bruno Cattaneo le ragazze di Davide Mazzanti non hanno commesso errori contro il fanalino di coda del torneo, rispettando il pronostico che le vedeva nettamente favorite. Sin dall’inizio Chirichella e compagne hanno comandato il gioco e, pur non esprimendo la propria miglior pallavolo, hanno avuto la meglio sulle avversarie.
Il primo set è stato vinto in agilità dalla formazione tricolore, mentre nel secondo le ragazze di Mazzanti hanno tentennato al momento di chiudere. Nella terza frazione le azzurre sono sempre state davanti e con lucidità nel finale hanno incrementato il vantaggio.
La vittoria consente all’Italia di rafforzare la seconda posizione nella classifica generale (8V e 25 p), guadagnando ulteriore vantaggio sulle dirette inseguitrici per la qualificazione alla Final Six di Nanchino (3-7 luglio 2019).
Miglior marcatrice dell’incontro è stata Indre Sorokaite con 19 punti, davanti a Elena Pietrini (13 p.) e Miriam Sylla (11 p.). Rispetto alle avversarie l’Italia è stata superiore a muro (7 a 4), mentre in battuta le bulgare hanno trovato più aces (4 a 3).
Domani le azzurre torneranno in campo (ore 20) al Pala Barton per affrontare la Corea del Sud di Stefano Lavarini, nel pomeriggio sconfitta dalla Russia 3-1 (25-23, 15-25, 25-20, 25-17).

Come formazione iniziale Mazzanti ha schierato Orro in palleggio, opposto Sorokaite, schiacciatrici Sylla e Pietrini, centrali Chirichella e Fahr, libero De Gennaro.
In avvio di match Indre Sorokaite ha prodotto il primo allungo delle azzurre, mentre la Bulgaria è incappata in diversi errori (6-3). La ricezione tricolore ha tentennato in alcuni momenti, consentendo alle ospiti di accorciare le distanze (13-11). Nel corso del set Mazzanti ha prima impiegato Parrocchiale per un giro dietro e poi ha sostituito Miriam Sylla per Caterina Bosetti (15-12). Con il passare del gioco le vice campionesse mondiali hanno aumentato il ritmo, al contrario delle bulgare che si sono arrese (25-19).
Il secondo set ha registrato un avvio poco brillante delle azzurre, costrette a inseguire la Bulgaria (4-7). Senza perdere la testa l’Italia con pazienza ha rimontato la formazione avversaria e poi, spinta da Pietrini, ha allungato (16-14). Pur commettendo alcuni errori, Fahr e compagne hanno guadagnato un margine rassicurante, portandosi sul (24-19). A giochi praticamente chiusi le azzurre hanno rischiato grosso e dopo aver sprecato diverse palle set, si sono ritrovate le ospiti a una sola lunghezza di distanza (24-23). A fissare il punteggio ci ha pensato Elena Pietrini determinante, insieme a Indre Sorokaite, nella vittoria della frazione (25-23).
Nel terzo parziale le vice campionesse mondiali hanno tentato di staccare la Bulgaria che, però non ha mollato la presa (1 2-10). Per lunghe fasi le due squadre sono rimaste a contatto, divise da soli due punti di distanza (18-16). Nel finale Orro ha chiamato spesso in azione le centrali e la scelta si è rivelata vincente, l’Italia ha incrementato il vantaggio e chiuso sul (25-20).