Thomas Fabbiano
Thomas Fabbiano

Il tennis regala un altro qualificato all’Italia in vista dei Giochi di Rio. Thomas Fabbiano si aggiunge a Sara Errani, Fabio Fognini, Karin Knapp, Paolo Lorenzi, Andreas Seppi e Roberta Vinci, diventando il settimo azzurro della disciplina, in virtù delle variazioni intervenute nelle iscrizioni per effetto di alcune rinunce. Per Fabbiano, attualmente al 110° posto nel ranking ATP, il CONI chiederà anche l’iscrizione nel doppio con Lorenzi.

Fabbiano, calabrese, classe 1989, in carriera in singolare è riuscito a conquistare dodici tornei futures e due challenger. In doppio, ha ottenuto la vittoria finale in tre tornei challenger e cinque futures. Nel 2016 inizia la stagione con una buona prestazione a Chennai dove, passando dalle qualificazioni, supera al primo turno l’altro qualificato Jozef Kovalík, poi il lussembrughese Gilles Muller prima di incontrare la terza testa di serie del torneo, Benoît Paire da cui viene sconfitto in due set. Ritoccato il proprio best ranking (142), viene eliminato nel secondo turno delle qualificazioni degli Australian Open ma conquista di nuovo il main draw a Sofia a febbraio dove però viene battuto al primo turno da Daniel Brands. Anche a Dubai accede al main draw passando dalle qualificazioni e riesce a superare il primo turno battendo Leonardo Mayer; al turno successivo incontra il numero 7 del mondo Tomáš Berdych che lo batte con un duplice 6-2. A marzo vince il secondo Challenger della sua carriera a Zhuhai battendo in finale il cinese Zhang Ze per 5-7, 6-1, 6-3 continuando a migliorare il proprio ranking fino ad entrare per la prima volta in carriera nella top 100 in Aprile (98°) dopo aver raggiunto due semifinali consecutive a Shenzen e Ra’anana.