Settebello e Setterosa sono pronti ad affrontare i campionati europei di pallanuoto in programma alla piscina “Picornell” di Barcellona dal 14 al 28 luglio. Il capo delegazione sarà il consigliere federale Giuseppe Marotta. L’arbitro al seguito Attilio Paoletti. La Federazione Italiana Nuoto comunica tredici ufficiali e staff.

Nazionale maschile
Atleti: Zeno Bertoli, Marco Del Lungo e Nicholas Presciutti (AN Brescia), Pietro Figlioli, Andrea Fondelli, Valentino Gallo e Gianmarco Nicosia (BPM Sport Management), Alessandro Velotto (CC Napoli), Michael Alexandre Bodegas, Francesco Di Fulvio, Oscar Echenique Gonzalo, Guillermo Molina Rios (Pro Recco), Vincenzo Renzuto Iodice (Jug Dubrovnik). Lo staff tecnico è composto dal cittì Alessandro Campagna, dall’assistente tecnico Amedeo Pomilio, dal team manager Alessandro Duspiva, dal medico Giovanni Melchiorri, dal preparatore atletico Alessandro Amato, dal fisioterapista Luca Mamprin, dal videoanalista Francesco Scannicchio e dalla psicologa Bruna Rossi.

Nazionale femminile
Atlete: Elisa Quierolo e Saria Dario (Plebiscito Padova), Giulia Enrica Emmolo (Olympiacos), Rosaria Aiello, Arianna Garibotti, Roberta Bianconi (L’Ekipe Orizzonte / Fiamme Oro), Valeria Palmieri (L’Ekipe Orizzonte), Arianna Gragnolati, Silvia Avegno e Federica Eugenia Lavi (Rapallo Pallanuoto), Chiara Tabani, Domitilla Picozzi (SIS Roma), Giulia Gorlero (Cosenza Pallanuoto). Lo staff tecnico è composto dal cittì Fabio Conti, dagli assistenti tecnici Paolo Zizza e Marco Manzetti, dalla team manager Barbara Bufardeci, dal medico Gianluca Camillieri, dalla psicologa Flavia Sferragatta, dalla fisioterapista Simona Tozzetti e dal preparatore atletico Simone Cotini.

Sandro Campagna, ct Settebello: “Siamo in una fase di passaggio, a metà del quadriennio olimpico. In questi due anni abbiamo dovuto affrontare molte avversità, cui abbiamo risposto inserendo più giocatori che mi hanno consentito di operare molteplici valutazioni. La mancanza di Aicardi ci toglie qualcosa al centro, ma cercheremo di sopperire col nostro gioco e nuovi movimenti. Questo europeo è un test di valutazione in ottica olimpica. Sono fiducioso. Il passato non conta; ora c’è solo la Germania che sancirà il nostro esordio. Poi ci saranno l’Ungheria e la Georgia per capire il percorso che affronteremo. Il livello generele è cresciuto e le distanze si sono accorciate: Spagna, Grecia e Montenegro si sono avvicinate alle superfavorite e lotteremo in sette per il podio”.

Fabio Conto, ct Setterosa: “Affrontiamo questa competizione a metà di un ciclo olimpico con alcune novità e con la consapevolezza che possiamo esprimere il nostro gioco e le nostre qualità. Quello che desidero dalle ragazze è determinazione; che giochino ogni match come se fosse una finale. Molte squadre le conosciamo; sappiamo che saremo in sei per il podio europeo. Le ragazze che sono state integrate e che per la prima volta parteciperanno ad una grande manifestazione internazionale non avranno problemi perchè sono parte di un sistema che sin dalle squadre giovanili accresce il livello prestativo sino a meritare l’alto livello. E’ un sistema di sinergie condivise che ha dato i suoi frutti nel corso degli anni e che ci agevola quando bisogna compiere il salto di qualità. Il nostro obiettivo sarà confermarsi da podio come Belgrado. Potremmo raggiungere l’obiettivo solo impegnandoci al massimo e concentrandoci sui dettagli che faranno la differenza nel gioco”.