Giovanni Sasso

Il Challenge Roma 753, in programma il prossimo 22/23 luglio a Roma, si arricchisce di un nuovo evento. Contestualmente alla prova Sprint del sabato e alla competizione internazionale del circuito Challenge della domenica mattina, si svolgerà una gara di ParaTriathlon. La gara avrà luogo il Sabato alle ore 11 su distanza Sprint, la stessa che si disputa alle Olimpiadi, e sarà valida come terza tappa del circuito IPS, Italian ParaTriathlon Series. Atleti disabili e normodotati insieme nello stesso percorso per una due giorni ricchissima di sport.

La disciplina del ParaTriathlon è riconosciuta e associata al Comitato Italiano Paralimpico e delegata alla Federazione Italiana Triathlon dal 2011 e ha fatto il suo esordio alle Olimpiadi di Rio 2016 dove due atleti azzurri, Michele Ferrarin e Giovanni Achenza, hanno conquistato rispettivamente la medaglia d’argento e di bronzo. Proprio Ferrarin e Achenza saranno due dei probabili protagonisti della tappa romana insieme ai migliori interpreti del panorama italiano, sia maschile che femminile.

Neil MacLeod, Project Manager ParaTriathlon: “È un grande onore venire a gareggiare in una location d’eccezione come Roma, per noi ha il valore di un’altra medaglia da aggiungere al nostro palmares oltre a rappresentare un’apertura in termini di visibilità della disciplina verso l’area Centro-Sud dell’Italia. Per questo motivo ringrazio la Challenge Family e Gianluca Calfapietra per la disponibilità, il supporto e l’impegno che ha dimostrato sia a livello organizzativo che di apertura e integrazione al mondo del sociale”.

Gianluca Calfapietra, presidente del Forhans Team e organizzatore di Challenge Roma 753. “Siamo molto felici di ospitare la tappa di ParaTriathlon all’interno della nostra due giorni di sport, il nostro impegno organizzativo sarà ancora più affascinante e stimolante e siamo convinti che questi atleti fantastici regaleranno ancora più lustro alla nostra manifestazione, saranno i nostri gladiatori”.

Campione italiano in carica del triathlon su distanza media, campione europeo triathlon media distanza 2016, di recente vincitore dell’IronMan 70.3 England disputato a Staffordshire domenica 18 giugno e del Challenge Rimini del 7 maggio, Giulio Molinari ha confermato la sua presenza al Challenge Roma 753 del 23 luglio 2017.

Il forte atleta di Novara, 29 anni, sarà quindi una delle stelle che parteciperanno alla prima storica prova del circuito Challenge che si disputerà nel suggestivo e atipico percorso che si snoderà in pieno centro nella Capitale.

Quello di Giulio Molinari è solo l’ultimo nome che si è aggiunto alla già folta presenza di grandi interpreti della disciplina tra cui Domenico Passuello, 39 anni di Livorno, Davide Giardini, originario del Lago di Garda ma residente negli Stati Uniti. Poi gli australiani Matt Burton e Alexander Polizzi, i neozelandesi Mike Phillips e Dylan Mcneice, e il tedesco Till Schramm.

​Novità dell’ultima ora è la conferma del triatleta svizzero Sven Riederer che tra i migliori risultati in carriera annovera il bronzo alle Olimpiadi di Atene del 2004, ​​il 19° posto alle Olimpiadi di Rio del 2016, l’8° posto alle Olimpiadi di Londra del 2016, il successo al campionato nazionale svizzero del 2015, ​​il 1° posto al campionato europeo ​​di Ginevra del 2014, il 1° posto al campionato mondiale di Alanya del 2014. ​
Tra le donne spiccano le due big internazionali Laura Siddal, 37 anni britannica, e Erika Csomor, 43 anni ungherese che dopo il terzo posto al Challenge Salou si è aggiudicata il campionato nazionale sulla media distanza. Con loro anche l’australiana Sarah Lester, la neozelandese Amelia Watkinson, la britannica Catherine Jameson e la spagnola Sara Loehr Munoz.

Le iscrizioni
Meno di un mese al via. Il weekend da appuntarsi sull’agenda è quello del 22/23 luglio 2017. Due giorni di sport, di competitività e di emozioni. Un antipasto al sabato, con una prova Sprint. E il piatto forte la domenica, con la tappa del circuito Challenge internazionale su distanza atipica, regolarmente approvata e messa in calendario dalla FITRI (Federazione Italiana Triathlon).

Challenge Roma753 è un evento unico nel suo genere. Il nome e le caratteristiche della gara riportano immediatamente alla data di fondazione della città di Roma nel 753 A.C. Saranno infatti 1.753 metri per la frazione di nuoto, 75.300 metri per la frazione di ciclismo e 17.530 metri per la frazione di corsa. Mai prima di oggi il circuito Challenge aveva proposto un format su queste distanze. Ma Roma è diversa, speciale. Ed è pronta a rendere indimenticabile questa esperienza.

Il percorso
Un tuffo nelle acque del laghetto dell’Eur, nella Roma più moderna, lasciandosi alle spalle la scia delle ultime luci dell’alba. Poi scarpe e caschetto e via in sella pronti ad immergersi nuovamente, questa volta a colpi di pedali, prima verso Ostia Antica percorrendo la Via del Mare, poi tra i meandri e la maestosità dei segni lasciati in eredità dalle gesta imperiali e dalle correnti artistiche che ne disegnano le mura e ne scolpiscono il cuore. Un saluto ai gladiatori del Colosseo, alle bighe del Circo Massimo, alle toghe dei Fori Imperiali. Tolto il caschetto, messa da parte la bici, via di corsa verso l’arrivo sulle rive del laghetto. Lì dove si è partiti carichi di energia ed emozione e dove si giungerà stremati, con il fiato corto e i muscoli incandescenti, ma con gli occhi gonfi di gioia. Perché l’impresa è compiuta. E la storia è stata scritta ancora una volta.