Lo Sporting Ariccia non è riuscito a festeggiare al meglio il primo storico match “da eccellente” per una squadra di calcio della cittadina castellana. Nel primo turno di Coppa Italia, i ragazzi di mister Eliano Trinca hanno ceduto 5-3 al “Menicocci” col Villalba che l’anno scorso aveva giocato la finale di questa competizione. Una partita gagliarda che gli ariccini avevano anche iniziato con un buono sprint: “Siamo passati in vantaggio presto con la rete di Santini, ma poi il Villalba è riuscito a ribaltare il risultato sfruttando al massimo gli episodi e tra l’altro abbiamo pure perso per infortunio Anastasio – analizza mister Trinca – Siamo quindi andati al riposo sotto di una rete e l’inizio della seconda frazione è stato davvero micidiale per noi perché il Villalba ha trovato due gol in rapida successione. Sul 4-1 pochissime squadre avrebbero trovato la forza di reagire e provare a riorganizzarsi, ma i ragazzi sono stati encomiabili: abbiamo modificato l’assetto tattico e siamo riusciti ad accorciare le distanze con una doppietta di Fabiani che ha rimesso la qualificazione totalmente in bilico visto che mancava ancora un quarto d’ora abbondante. Nel finale c’è stato negato un rigore piuttosto evidente per fallo su Longo che si stava per presentare a tu per tu col portiere avversario e poi abbiamo creato anche altre buone occasioni prima del gol del 5-3 ospite realizzato nei minuti conclusivi. Sinceramente ho poco da rimproverare ai ragazzi per quello che hanno fatto domenica scorsa”. La matricola Sporting Ariccia inizierà ufficialmente domenica il suo cammino nel campionato di Eccellenza: lo storico debutto è da “far tremare i polsi” considerando che i castellani saranno ospiti dell’Unipomezia. “Cosa penso di loro? Parliamo di una compagine da serie D che è quasi per caso in Eccellenza, ma per noi dev’essere uno stimolo fortissimo. Siamo andati vicini ad una clamorosa impresa in Coppa Italia e state certi che ci riproveremo anche domenica prossima”.