La Cynthialbalonga conosce finalmente le sue avversarie per la stagione 2021-22. E’ un ritorno al “passato” quello della squadra del presidente Bruno Camerini che, dopo aver trascorso una annata incrociando squadre marchigiani e abruzzesi nel gruppo F, è stata riportata nel tradizionale gruppo G con altre sette laziali, sette sarde e tre campane. “Un girone equilibratissimo e molto complicato – commenta il direttore sportivo Giorgio Tomei – Abbiamo evitato l’ipotesi delle venti squadre che avrebbero indubbiamente complicato le cose a livello organizzativo ed economico, ma troviamo avversarie di grande valore: tra le campane Afragolese e Giuliano si sono mosse molto bene, tra le sarde la Torres ha un organico forte e in generale giocare sull’isola non è mai facile, poi tra le corregionali Ostiamare e Vis Artena sono sempre degli ossi duri. Noi partiamo comunque per fare un campionato di primo livello, poi sarà sempre il campo a dare risposte”. La Cynthialbalonga ha cambiato tanto in estate, ma questo aspetto non preoccupa più di tanto il diesse. “La società ha fatto un lavoro importante inserendo in organico giocatori forti e sono convinto che in questo modo sia più facile trovare la giusta sintonia. Poi conterà molto il lavoro di mister Raffaele Scudieri e del suo staff: l’allenatore è già stato vicino al nostro club in passato e ha piena fiducia da parte della dirigenza, lavora in maniera serena ed è già totalmente calato nell’ambiente della Cynthialbalonga”. La squadra azzurra salterà il primo turno preliminare di Coppa Italia avendo giocato i play off nella passata stagione e dunque attenderà il 19 settembre per l’esordio in campionato e il debutto ufficiale: “Al momento la squadra è al 60-70%, sappiamo che c’è ancora tanto da fare da tutti i punti di vista. I nuovi “under” sono molto interessanti e si sono aggiunti a quelli validi che avevamo già in organico, poi sono arrivati “over” di sicuro valore e questo ci fa essere fiduciosi”.