L’Audace ha siglato indubbiamente il colpaccio dell’ultimo turno di Eccellenza. La squadra di mister Daniele Scarfini ha violato il campo della Lupa Frascati (che domenica è stata ospitata al “Brasili” di Borghesiana per l’indisponibilità dell’Otto Settembre) con un prezioso 2-1. Il protagonista assoluto è stato Sergi Garcia Mut, attaccante spagnolo di Palma de Mallorca classe 1991 che già aveva fatto benissimo nel Lazio con le maglie di Gaeta e Itri. “La vittoria con la Lupa ci ha dato una grande soddisfazione. Aver battuto un avversario che nelle precedenti otto partite aveva collezionato sette vittorie e un pareggio è stata davvero un’impresa. Inoltre siamo riusciti a dare continuità alla precedente vittoria col Gaeta e a migliorare ancora la nostra classifica. Con la Lupa abbiamo segnato un gol in avvio di primo tempo e uno all’inizio del secondo, poi nel finale abbiamo tenuto bene dopo la rete dell’1-2 avversario. Abbiamo preparato benissimo la gara, facendo grande attenzione in fase difensiva e provando a fare danni con le ripartenze. La squadra fisicamente sta benissimo e ha sfruttato questa ottima condizione”. Per Garcia Mut sono arrivate le prime reti con la maglia dell’Audace: “Avevo giocato uno spezzone con il Sora, poi il match col Gaeta e quello con la Lupa. Sono contento per i miei gol, ma soprattutto sono felice che siano serviti per conquistare una vittoria molto importante”.

Lo spagnolo è rimasto affascinato dal progetto della “nuova” Audace: “Dopo che l’anno scorso ho giocato nella serie D del mio paese, sono stato davvero felice di avere l’opportunità di tornare in Italia. La società, con l’ingresso del patron Giuseppe Spinelli e del direttore generale Roberto Matrigiani, è ancor più ambiziosa e vuole fare cose importanti, gettando quest’anno le basi per un futuro radioso. Sono stato accolto benissimo all’interno dello spogliatoio e questo è stato un altro aspetto molto positivo. Poi mi ha colpito il modo di lavorare di mister Scarfini: me ne avevano parlato benissimo alcuni amici, ma vedere la sua professionalità e la competenza in prima persona è stato ancor più convincente”.

Ora l’Audace vuole sfruttare il calendario: “Abbiamo due partite molto importanti con Morolo e Atletico Lazio. Dobbiamo affrontarle con grande determinazione perché in questa categoria nessuno ti regala nulla, ma vogliamo dare continuità alla nostra striscia positiva”.