fidal
fidal

Conclusa allo Stadio “Gaetano Scirea” di Cinisello Balsamo (Milano), la prima giornata della Finale Oro dei Campionati Italiani Assoluti di Società. Dopo undici gare guidano le classifiche i club campioni in carica ovvero gli uomini dell’Atletica Riccardi Milano (62 punti su Enterprise S&S 59,5 e CUS Palermo 37) e le donne della Bracco Atletica (67 punti su Acsi Italia 61 e Atl. Brescia 1950 38). L’acuto di oggi arriva dai 400 metri a firma dell’ancora 19enne Ayomide Folorunso che vince con il personal best limato di ben 28 centesimi a 52.99 correndo in prima corsia. Per la quattrocentista ad ostacoli, quarta agli Europei di Amsterdam e semifinalista a Rio, è il terzo PB in tre gare: meno di due settimane fa si era migliorata anche sui 200 (23.53) e sui 100 metri (11.83). Dietro di lei altre due componenti della 4×400 nazionale sesta alle Olimpiadi, ovvero Maria Enrica Spacca (53.23) e Maria Benedicta Chigbolu (53.76). Domani la ritroveremo in pista nella sua specialità d’elezione. Ultimo confronto di fine stagione nell’alto con Alessia Trost che supera 1,86 a 1,82 la corregionale Desirèe Rossit con cui ha condiviso l’esperienza della finale a cinque cerchi. Nei 1500 vittoria in solitaria del bronzo europeo indoor Federica Del Buono (4:12.06) in un gara che ha visto al terzo posto la vicecampionessa continentale di mezza maratona Veronica Inglese (4:27.51 PB). Nei 100 metri successi di Federico Cattaneo (10.63/-0.5) e Audrey Alloh (11.98/-0.3). Nei 100hs la primatista italiana Veronica Borsi mette tutte in fila controvento in 14.00 (-1.7), mentre il 22enne Ala Zoghlami va a segno in volata sui 3000 siepi in 8:42.21. Primato personale, infine, nei 5000 metri di marcia per Valentina Trapletti (21:40.45) con la gara maschile di 10.000 metri vinta da Francesco Fortunato (40:52.39). Oggi, a partire dalle ore 9, la seconda e conclusiva giornata della rassegna tricolore con l’assegnazione degli scudetti 2016.

Finale argento
Sono gli uomini dell’Atletica Brugnera Friulintagli e le donne della Quercia Trentingrana a guidare la classifica della Finale Argento, in corso a Orvieto, al termine della prima delle due giornate di gare. I pordenonesi, nonostante la mancata vittoria di Abdellah Bamoussa (solo terzo nei 3000 siepi), al giro di boa hanno raccolto 55 punti, distanziando di 13 i varesotti del Cus Insubria Eolo (42). Terzi i portacolori del Cus Parma a quota 39. Più aperta la classifica femminile: sono 53 le lunghezze della Quercia, con il Cus Torino e la Toscana Atletica Empoli Nissan appaiate a 45 punti. Le piemontesi però hanno però in attivo solo 8 punteggi, contro gli 11 delle trentine. Domani la resa dei conti. Quarto posto per la squadra di casa, la Libertas Arcs Cus Perugia. Allo stadio Muzi di Orvieto i 100 metri sono appannaggio dell’azzurra Irene Siragusa (Atletica 2005) che si impone in 11.76 con vento nullo davanti a Chiara Torrisi (Cus Palermo, 11.89/+0.8). Nel giro di pista le più veloci sono due junior: Ilaria Verderio (Pro Sesto Atletica) in 55.48 e Alice Mangione (Cus Palermo) in 56.21. Va a segno, pur restando lontana dal suo primato, anche l’allieva Sydney Giampietro che porta in dote il massimo dei punti al Cus Pro Patria Milano nel lancio del peso (14,59) in cui quest’anno si è messa al collo la medaglia di bronzo agli Europei under 18.

Le finali B
Quattro sedi per le finali B a carattere interregionale, domenica 25 settembre, nei Campionati Italiani Assoluti di Società. Ognuna vedrà impegnate 12 società sia al maschile che al femminile, per sfidarsi su un programma ridotto a 12 gare: il gruppo “Nord-Est” a Conegliano (TV), il “Nord-Ovest” a Torino, “Tirreno” ad Agropoli (SA) e “Adriatico” a Montecassiano (MC). A Torino riflettori sui 110hs: ai blocchi di partenza Lorenzo Perini (Osa Saronno Libertas/Aeronautica), semifinalista agli Europei di Amsterdam, che poi sarà al via anche nei 200 metri. Tra le protagoniste femminili Elena Bonfanti (Atl. Lecco Colombo Costruzioni), azzurra della 4×400, che ha fatto parte della squadra italiana ai Giochi Olimpici di Rio. Anche per lei un doppio impegno: 100 e 400 metri.