Linda Zingerle è la migliore giovane atleta europea. La biathleta dell’Italia Team è stata insignita oggi del premio “Piotr Nurowski”, nel corso dell’Assemblea Generale dei Comitati Olimpici Europei che si è svolta in videoconferenza dal Salone d’Onore del CONI.

La 18enne altoatesina, medaglia d’oro nella staffetta mista e argento nella staffetta singola mista ai Giochi Olimpici Giovanili di Losanna 2020, ha avuto la meglio sull’austriaca Lisa-Marie Hirner (combinata nordica), sul ceco Matej Svancer (Freestyle) e su due slittinisti: il lettone Gints Berzins e la tedesca Jessica Degenhardt.

Con la vittoria del Premio dedicato all’ex tennista e presidente del Comitato Olimpico polacco che i COE assegnano dal 2011 per esaltare i valori olimpici nei giovani atleti, Zingerle corona nel migliore dei modi una stagione che l’ha vista conquistare anche un oro nella sprint, un argento nella staffetta femminile e un bronzo nell’inseguimento ai Mondiali giovanili di Lenzerheide (Svizzera).

Fino ad oggi, il “Piotr Nurowski” era stato vinto nel 2017 dalla ciclista Letizia Paternoster e, tre anni prima, dal nuotatore Simone Sabbioni. Zingerle è invece la prima giovane dell’Italia Team ad aggiudicarsi l’edizione invernale, istituita nel 2016.

In fondo vincere è nel suo DNA: il papà Andreas, infatti, fu bronzo olimpico nel biathlon a Calgary 1988. Una gioia olimpica che Linda ha già assaporato a Losanna, in attesa di misurarsi tra le ‘grandi’.