La Nazionale Italiana è arrivata ieri sera nei Pirenei dove nel week end sarà impegnata nel secondo turno della Fase Intercontinentale di World League. Reduce dalla prima tre giorni di gare disputate a Pesaro al termine della quale ha collezionato un successo (contro l’Iran) e due sconfitte (Polonia e Brasile), la formazione tricolore se la vedrà contro gli Stati Uniti, i padroni di casa transalpini e la Russia; tre avversarie di spessore da affrontare nel migliore dei modi per poter muovere una classifica che al momento la vede in ottava posizione.

In realtà, delle tre squadre che i ragazzi di Blengini affronteranno da venerdì in avanti solo la Francia ha dimostrato di essere già in ottima forma chiudendo il primo fine settima di gare a punteggio pieno, mentre Russia e Stati Uniti, sono ancora un cantiere aperto con risultati e prestazioni altalenanti che dimostrano come ci sia grade incertezza a due giorni dall’inizio di questo fine settimana di partite.

Così come l’Italia, infatti, le formazioni partecipanti hanno effettuato diversi cambi rispetto ai Giochi Olimpici. Negli Stati Uniti ad esempio non ci sono l’ex capitano Lee, Anderson, Russel, Holt; assenze che si sono fatte sentire nel primo turno durante il quale hanno inanellato tre ko consecutivi.

Anche la Francia ha cambiato molto (non ci sono per vari motivi Rouzier, Marechal, Ngapeth e Tillie), ma i transalpini appaiono in grande forma; dopo aver conquistato la qualificazione ai Campionati del Mondo, infatti, sono partiti molto forte anche in World League conquistando subito la testa della classifica.

Qualificazione ai Campionato del Mondo del prossimo anno acquisita anche per la Russia che però senza Tetyukhin, Butko, Verbov, Mikhaylov, Volkov e Volvich ha avuto anche lei una partenza a singhiozzo.

In casa azzurra, nel frattempo, continua il lavoro per trovare la giusta alchimia di gioco con la squadra che oggi pomeriggio, dopo la seduta pesi della mattinata, farà conoscenza nel pomeriggio con l’impianto di gioco.