Si chiude con una sconfitta per 3-0 (25-20, 25-22, 25-15) contro i già sicuri campioni del Brasile la World Cup degli azzurri di Gianlorenzo Blengini.

Con cinque successi e 14 punti ottenuti, l’Italia chiude questa competizione al settimo posto dopo aver alternato buone prestazioni ad altre più deludenti, con un gruppo ricco di giovani alle prime esperienze a livello internazionale.

Esperienza che probabilmente è mancata nella gara di oggi, nella quale l’Italia affrontava comunque la formazione più in forma del torneo, come dimostrano il successo finale ottenuto dagli uomini di Dal Zotto con un turno di anticipo e le undici vittorie in altrettante gare disputate.

Dopo i primi due set nei quali il Brasile ha saputo imporsi con decisione, nel terzo l’Italia era riuscita a rendersi protagonista di una buona reazione in avvio (10-5). Nel corso del parziale, però, gli azzurri non hanno saputo dare continuità al gioco, subendo di nuovo il ritorno degli avversari, che da quel momento hanno condotto fino al successo finale.

Per la gara conclusiva di questa World Cup, Gianlorenzo Blengini si è affidato al sestetto composto da Sbertoli in palleggio, Nelli opposto, Kooy e Lavia schiacciatori, Candellaro e Russo in mezzo e Pesaresi libero, prima di dare ampio spazio a buona parte del gruppo nel corso del match.

In avvio è stato il Brasile a ingranare la marcia, trovando subito un importante +4 (4-8). Successivamente, l’Italia è riuscita a rimanere agganciata per buona parte del primo set, seppur trovandosi costantemente a rincorrere. Nel finale, è stato ancora una volta del Brasile l’allungo decisivo, con l’out di Nelli che ha regalato il set point agli avversari (19-24), prima del conclusivo (20-25).
Nel secondo, dopo una prima fase di equilibrio (6-9), sono stati di nuovo i sudamericani a tentare l’allungo (6-10). Come nel set precedente, l’Italia ha provato a rimettersi in partita, trovando la parità sul (16-16). Nel finale, poi, dopo l’ace di Nelli che aveva nuovamente accorciato le distanze (20-21), il Brasile ha saputo concretizzare, rimanendo al comando fino al (22-25) finale.
Nel terzo, dopo un ottimo avvio azzurro (10-5), gli uomini di Blengini non sono riusciti a dare continuità, subendo il ritorno del Brasile in grado di ribaltare il risultato e trovare addirittura un +4 dopo il primo tempo tecnico (12-16). Nel finale, la formazione verde oro è stata più concreta e ha chiuso con ampio margine (15-25).