Nell’anticipo della decima giornata di ritorno della Serie A2 Credem Banca, l’Aeronautica Militare Club Italia Crai Roma esce sconfitto contro la Elios Messaggerie Catania per 3-0 (25-21, 25-23, 25-22).

Un risultato che arriva al termine di una gara equilibrata per lunghi tratti, nel quale ha pesato più che altro la maggiore lucidità degli avversari nei momenti chiave. Uno di questi è stato sicuramente il finale del secondo set, dove gli azzurrini erano stati in grado di padroneggiare fino al (16-21). In quel momento però, gli uomini di coach Puleo sono riusciti a trovare un parziale di 5-0 grazie al quale hanno conquistato prima la parità e poi la vittoria del set, dimostratosi determinante ai fini del risultato finale. Top Scorer del match l’azzurrino Francesco Recine, con 17 punti messi a segno. Per Catania, invece, è stato Bonacic il più prolifico con 14 punti.
Il prossimo appuntamento per i ragazzi di Monica Cresta sarà la sfida casalinga di sabato 16 marzo (ore 17) contro Grottazzolina.

Per quanto riguarda le scelte iniziali, coach Monica Cresta ha proposto il sestetto tipo con Salsi in palleggio, Stefani opposto, Mosca e Cianciotta centrali, Recine e Motzo schiacciatori e Federici come libero.

Avvio del match contrassegnato dall’equilibrio, con le due squadre che si sono trovate a giocare a distanza ravvicinata per tutta la prima metà (14-12). A questo punto gli uomini di coach Puluo hanno tentato più volte l’allungo (16-13), ma il Club Italia non ha mollato ritrovando la parità (17-17). Nel finale, però, sono stati proprio i padroni di casa a trovare il guizzo giusto chiudendo avanti (25-21).
E’ stato nel secondo set, poi, lo snodo principale della gara. Qui, infatti, dopo un predominio abbastanza marcato dei ragazzi di Monica Cresta che è durato per buona parte del set (16-21), la formazione rossoblù ha trovato un parziale di 5-0 con Finoli in servizio, riconquistando la parità (21-21). Nel finale, poi, sulle ali dell’entusiasmo Gradi e compagni hanno chiuso avanti (25-23).
Terzo parziale dall’andamento molto simile al primo, con nessuna delle due squadre che è stata in grado di trovare margini consistenti di vantaggio (18-17). Anche qui, però, non è bastata la voglia degli azzurrini di portare avanti il match e la formazione di casa si è mostrata più determinata, riuscendo a conquistare la vittoria (25-22).