Nel Campionato Europeo under 19 maschile l’Italia ha travolto la Polonia 3-0 (25-9, 25-21, 25-15). Una prestazione maiuscola quella offerta dai ragazzi di Mario Barbiero, capaci di piegare nettamente una tra le squadre maggiormente accreditate alla vittoria della competizione. Per l’Italia tutti i fondamentali hanno funzionato molto bene e la sintesi migliore è stato il primo set nel quale i polacchi non sono riusciti nemmeno ad arrivare alla doppia cifra.
Nei parziali successivi l’Italia ha dovuto lottare di più, ma ha sempre tenuto in mano il pallino del gioco ed ha chiuso velocemente la gara. Grazie al successo Cantagalli e compagni hanno raggiunto in vetta al girone la Russia: entrambe 2 vittorie e 5 punti. Proprio i russi saranno gli avversari di domani (ore 20.30 diretta Laola1.tv qui) in una sfida importantissima per la qualificazione alle gare che assegneranno le medaglie.
Contro la Polonia come formazione iniziale il tecnico azzurro ha confermato Maccabruni in palleggio, opposto Cantagalli, schiacciatori Gardini e Lavia, centrali Cortesia e Gargiulo, libero Federici.
Semplicemente perfetto l’inizio dell’Italia che sin dal primo pallone ha aggredito gli avversari, mettendoli in grossa difficoltà. Sotto la guida di un ispirato Maccabruni l’attacco azzurro ha girato a mille, mentre i polacchi non hanno saputo trovare alcuna contromisura. La battuta di Lavia si è rivelata una spina nel fianco per la ricezione dei biancorossi, ben controllati a muro e incapaci di andare a segno grazie anche alle difese di Federici. Eloquente è stato così il punteggio del primo set: 25-9 in favore dei ragazzi di Barbiero.
Più equilibrata la seconda frazione, nella quale l’Italia ha più volte provato ad allungare, ma la Polonia è rimasta per lunghe fasi a contatto. A rompere la parità è stata una bella serie di attacchi di Cortesia che ha permesso agli azzurrini di portarsi al comando. Lavia e compagni con grande determinazione hanno difeso il vantaggio e chiuso d’autorità (25-21).
L’Italia non ha mollato il pallino del gioco nemmeno nel terzo set e complice un muro davvero efficace (16 vs 2 quelli totali) ha guadagnato un buon margine sugli avversari. I polacchi hanno tentato di reagire con la battuta, senza però mai scalfire le sicurezze dei ragazzi di Barbiero (25-15).