Vigilia di semifinali al Campionato Europeo Under 19 maschile che in questo week end vivrà il suo momento cruciale con le gare che assegneranno le medaglie. In piena corsa per salire sul podio c’è anche l’Italia di Mario Barbiero che domani nella seconda semifinale affronterà la Turchia: formazione classificatasi al primo posto della Pool II. Le altre due semifinaliste sono Russia e Repubblica Ceca che giocheranno alle ore 18.

Gli azzurrini arrivano a questa gara dopo una fase gironi, nella quale hanno collezionato quattro vittorie (Bulgaria, Polonia, Belgio, Ungheria) ed una sconfitta (Russia). Durante la competizione Lavia e compagni hanno avuto diversi momenti di difficoltà, tuttavia hanno avuto il grande merito di non mollare mai, ribaltando anche situazioni molto complicate: vedi il match contro il Belgio.

Per centrare la finale (in programma domenica alle ore 18.30) ci vorrà una grande prestazione della nazionale tricolore: i turchi, infatti, sono una squadra di ottimo livello che ha nella potenza in attacco uno dei punti di forza.
Come spiegato dal tecnico azzurro l’Italia si dovrà concentrare principalmente su se stessa, cercando mostrare tutte le proprie qualità, emerse in modo evidente soprattutto contro la Polonia e negli ultimi tre set con il Belgio.
Il fatto di essere una delle prime quattro formazioni d’Europa ha già garantito all’Under 19 azzurra la partecipazione al Campionato del Mondo di categoria (dal 18 al 27 agosto in Bahrain) e all’European Youth Olympic Festival (dal 23 al 30 luglio a Gyor).
“Stiamo preparando nel migliore dei modi questa semifinale che ci siamo meritati sul campo – le parole di Mario Barbiero – Sappiamo che ci aspetterà una partita difficile perché la Turchia è un’ottima squadra con due attaccanti forti e che ha un volume di gioco molto alto. Anche noi, però, abbiamo tutte le armi per metterli in difficoltà e dovremo essere bravi a far funzionare al meglio i nostri meccanismi. Domani in campo voglio vedere grinta, attenzione e continuità, tre elementi che da sempre contraddistinguono il nostro modello di gioco”.
“Esserci assicurati la partecipazione al Mondiale e all’Eyof è già un ottimo risultato – spiega il capitano Daniele Lavia – Adesso puntiamo ad un altro traguardo, ovvero quello di salire sul gradino più alto del podio e per farlo dobbiamo superare assolutamente la Turchia. Sinora è stato un Europeo duro, ma allo stesso tempo emozionante, penso che la squadra sia cresciuta in maniera significativa.”
“Nel corso del torneo ci sono stati diversi alti e bassi – racconta Rocco Panciocco – quando però abbiamo giocato di squadra si sono viste ottime cose. Domani ci aspetta una gara ancora più difficile di quelle del girone e bisognerà rimanere uniti per dare il massimo. Ci sono due partite per mettere a frutto il duro lavoro svolto negli ultimi anni, per noi è una grande occasione.”
“Il nostro sino adesso è stato un grande Europeo, anche se le difficoltà non sono mancate – l’analisi di Francesco Recine – Abbiamo affrontato squadre molto forti e altrettanto lo saranno le prossime, per questo bisognerà dare il massimo. Raggiungere le semifinali era un nostro obiettivo, ora cercheremo di ottenere il miglior risultato possibile. La Turchia è un’avversaria molto temibile, come dimostra il primo posto ottenuto nell’altro girone.”