Troppo forte, in questo momento, la Farmitalia Saturnia Catania per una Maury’s Com Cavi Tuscania che sembra soffrire oltremodo di una sorta di “mal di trasferta”. I ragazzi di Sandro Passaro sembrano ancora alla ricerca di una propria identità e devono arrendersi ad una Catania che al contrario ha trovato nel nuovo acquisto Zappoli un cecchino davvero efficace.

Al PalaCatania per la quarta di andata della serie A3 Credem Banca i tuscanesi riescono ad opporsi solo un set, il primo conclusosi tuttavia con il punteggio di 25/22 per gli etnei, salvo poi perdere i restanti per con parziali a 17 e a 16.

Al fischio di inizio dei signori Walter Stancati e Christian Palumbo coach Kantor schiera i suoi con Fabroni al palleggio e Casaro opposto, Zappoli e Disabato laterali, Jeroncic e Frumuselu al centro, Zito libero. Coach Passaro risponde con Leoni in palleggio e Onwuelo opposto, Festi e Aprile centrali, Sacripanti e Corrado bande, capitan Sorgente libero.

Si accende subito il match con scambi prolungati e difese protagoniste. Sospinta da un Zappoli in giornata di grazia, Catania mette a segno un break di quattro e va sul 12/8. Ancora un mani out dello stesso Zappoli porta i padroni di casa sul massimo vantaggio (14/9). Si va avanti punto a punto con Catania sempre avanti fino a che è Tuscania a portarsi sul 17/16 con Onwuelo. Ancora Zappoli protagonista e Catania allunga di nuovo 23/18. Inutile il break di quattro di Tuscania per il 24/22. L’errore di Festi dai nove metri consente a Catania di giocare il primo dei set ball che Frumuselu realizza con un muro su Corrado (25/22)

Il secondo set parte in equilibrio e si sblocca solo alla metà quando Catania allunga con una serie di break che la portano sul +6 (20/14). Coach Passaro cerca di scuotere i suoi, dentro Stamegna per Sacripanti, Cipolloni Savi per Leoni e Ruffo per Aprile. I cambi tuttavia non danno l’effetto sperato e l’ulteriore break di tre punti consente a Catania di aggiudicarsi il secondo parziale (25/17).

Terzo parziale con Catania che trova subito il break di vantaggio (8/6). Poi gli etnei allungano decisamente fino a portarsi sul +7, 15/8 e massimo vantaggio. Il tentativo di reazione degli ospiti (15/20) viene stoppato sul nascere da un ace di Fabroni, uno dei migliori in campo a dispetto delle quarantuno primavere 22/15. Il mani-out trovato da Disabato chiude set e incontro (25/16).

Articolo precedenteL’Italia chiude Europei junior e under 23 con un bottino super!
Prossimo articoloCalcio, serie D, Sambenedettese-Trastevere 0-2