Quando tutto faceva prefigurare a una sconfitta certa, ecco la reazione, lo scatto e il cambio di passo. L’Acqua & Sapone sotto 2-0 e 21-20 nel terzo capovolge completamente la situazione e vince 3-2 la prima partita della pool salvezza contro l’Exacer Montale. Una vittoria fondamentale per la classifica, ottenuta contro una diretta concorrente, un successo di forza, carattere, determinazione, voglia e caparbietà. Una gara dal doppio volto, però, molto male per due set e mezzo, poi il cambio di passo e la rimonta fino al quinto set (sotto 10-8 anche al tie-break). Una Roma che è stata lontana parente di quella di due settimane fa, scialba, abulica. Nel secondo dal 15-15 solo Montale in campo. Nel terzo Roma mantiene il passo, ma non incide, poi sul 20-21 ecco la svolta. Nel quarto, una volta accorciate le distanze a muro e in battuta con una fase break più pungente e una pressione costante, è stato 16-6 il massimo vantaggio e sul 22-19 l’accelerata finale. Nel quinto set ecco Montale tornare sotto e imprimere un buon ritmo con Luketic, ma Roma con Arciprete e Tosi ha messo la quinta e chiuso sul 15-12. Con i due punti la squadra di Fabio Cavaioli alimenta la propria marcia. Il pensiero del tecnico romano. “Non abbiamo avuto un buon approccio, qualcosa poi è scattato, forse stavamo sull’orlo del baratro e abbiamo avuto una bella reazione. Non sempre ci è capitato di cambiare in corsa, questo è un dato positivo. Montale è una buona squadra con attaccanti pericolosi, ma dobbiamo capire il motivo di questo inizio negativo. Nei primi due set abbiamo sbagliato qualcosa a muro-difesa, poi siamo migliorati e cresciuti molto in contrattacco”.