Domenica 15 aprile scatteranno simultaneamente 43 città in Italia e 12 all’estero, con il “via” che verrà dato in diretta alle 9.30 da Radio 1 Rai. Vivicittà è una corsa podistica per la sostenibilità, i diritti e l’ambiente organizzata dall’Uisp-Unione Italiana Sport Per tutti e giunta alla 35^ edizione. La distanza classica competitiva è quella di km. 12 con classifica unica compensata, alla quale si aggiungono percorsi variabili tra 2 e 4 chilometri per la non competitiva. Inoltre è prevista una prova speciale sulla distanza di Km. 21,097 (mezza maratona) a Firenze. Domenica 15 aprile si correrà anche in quattro istituti penitenziari: Milano, Catanzaro, Monza e Cassino.

Lo slogan di questa edizione di Vivicittà è “Attività sostenibili” per sensibilizzare istituzioni e opinione pubblica, sui temi della vivibilità ambientale e sociale. Una corsa per promuovere un nuovo modello di sviluppo basato sul rispetto per l’ambiente e quello per tutte le persone. Vivicittà è una corsa podistica messaggera di pace e convivenza, che sostiene i bambini che fuggono dalla guerra in Siria attraverso un progetto di cooperazione internazionale ed educazione, in collaborazione con la Fondazione Terre des Hommes.

Vivicittà è anche sostenibilità ambientale: quest’anno la manifestazione podistica Uisp ha compensato 2.285 kg. Di CO2, generati dalla produzione stampa del materiale, mediante creazione e tutela di 1.701 mq di foreste in crescita in Madagascar, come ha certificato Life Gate.

Vivicittà gode della Medaglia del Presidente della Repubblica, del patrocinio della Presidenza del Consiglio dei ministri, del ministero dell’Ambiente, del ministero della Giustizia, del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, del ministero degli Affari Esteri e della cooperazione internazionale.

Vivicittà è sostenuta da: Marsh, broker assicurativo leader in ambito sportivo e da Premia, fornitore ufficiale. C’è la collaborazione della Fidal, di Radio 1 Rai, di Corriere dello Sport, di Agenda 21 e Lifegate.

Correre e sapersi guardare intorno, perché il traguardo sia quello dei diritti, dell’ambiente e della solidarietà. Su questi valori Vivicittà e la “Corsa di Miguel”, promossa dal Club Atletico Centrale di Roma, si sono incontrate ed è nata la novità di quest’anno: “ViviMiguel” edizione numero uno, che si svolgerà martedi 17 aprile in tutta Italia. Si tratta di una mega staffetta su pista 42×1000 metri da correre insieme a tutte le scuole italiane. I primi 195 metri saranno percorsi per mano da tutti gli studenti, senza differenze di abilità: il totale della distanza coperta sarà quello classico della Maratona.

Ogni scuola una staffetta, le scuole superiori di tante città diverse correranno idealmente tutte insieme. “ViviMiguel” è organizzata da Corsa di Miguel, Uisp e Fidal, in collaborazione con Ussi e con il Ministero dell’Istruzione. La prima edizione di “ViviMiguel” si terrà martedi 17 aprile con partenza alle ore 10.30 in 14 città: Roma, Milano, Trieste, Bologna, Potenza, Catanzaro, Crotone, Siderno (RC), Campobasso, Olbia, Camerino (Mc), Biella, Catania, Terni.

Vivicittà si corre domenica 15 aprile in 43 città italiane e 12 nel mondo. Si corre anche in 4 Istituti penitenziari italiani.

In Italia
Competitiva – 12 km (e passeggiata ludico-motoria): Aosta, Arco (Tn), Arezzo, Bacoli (Na), Bari, Barrafranca (En), Bolzano, Bra, Brescia, Cagliari, Civitavecchia (Rm), Ferrara, La Spezia, Latina, Livorno, Lucca, Matera, Messina, Mestre (Ve), Padova, Palermo, Pesaro, Pescara, Porto Cesareo (Le), Ragusa, Reggio Emilia, Riccione (Rn), Sala Baganza (Pr), Salice Terme (Pv), Siena, Terni, Torino, Trapani.

Passeggiata ludico–motoria – Km. 2-4: Avellino, Candelo (Bl), Cremona, Gorizia – Nova Gorica, Grottaglie (Ta), Orvieto (Tr), Settimo Torinese (To), Todi (Pg), Treviso.

Mezza Maratona – km. 21,097(e passeggiata ludico-motoria): Firenze

Istituti penitenziari – Km. distanze variabili: Milano, Catanzaro, Monza, Cassino

Nel mondo
Beirut (Libano), Bengo (Angola), Ginevra (Svizzera), Huambo (Angola), Luanda (Angola), Marsiglia (Francia), Moçamedes (Angola), Nova Gorica (Slovenia), Osaka (Giappone), Sarajevo (Bosnia Erzegovina), Tokio (Giappone), Tuzla (Bosnia Erzegovina), Ivry Vitry – Parigi(Francia), Yokohama (Giappone), Vieux Conde (Francia), Zavidovici (Bosnia Erzegovina).