Come un anno fa anche la Salita del Costo targata 2022, primo atto del Trofeo Italiano Velocità Montagna in zona nord, si è confermata evento reso particolarmente selettivo da mutevoli condizioni meteo e dalla comparsa, sul finale, della neve.

Gara per uomini veri, temperature a tratti polari ed un fondo a volte viscido, altre freddo.

In un contesto di così difficile interpretazione Enrico Zandonà si è messo in evidenza, portando in dote a Funny Team una vittoria di classe E2SS1150 ottenuta sul filo di lana, poco più di un decimo il margine sul secondo, il terzo gradino del podio in gruppo E2SS ed un’ottava piazza nella classifica assoluta che confermano quanto di buono il pilota di Verona ha già dimostrato.

Che il portacolori della scuderia di Abano Terme fosse in forma lo si era inteso fin dal Sabato di prove libere e nella tornata mattutina il cronometro sanciva la sesta prestazione nella generale, la terza di gruppo nonché la migliore in classe, optando poi per saltare la ripetizione.

“Un fine settimana all’insegna del maltempo” – racconta Zandonà – “che ha portato freddo, pioggia ed anche neve in quota. Al Sabato una leggera pioggia ha reso tutto il tracciato molto umido e scivoloso. Siamo partiti per il primo giro di prova ed abbiamo accusato un problema tecnico, non riuscivo a scalare le marce a causa di un mancato blip dell’acceleratore, dovuto ad un filo schiacciato. Per evitare di rischiare il cambio abbiamo deciso di non partire per la seconda prova, fin tanto che non avevamo i dati della centralina per trovare il guasto.”

Alla Domenica via alle danze per l’unica manche di gara e Zandonà, una volta controllato lo stato di salute della sua Wolf GB08 Thunder, era libero di potersi esprimere ai massimi livelli.

Affrontando le insidie, principalmente dovute alle condizioni del fondo, del nastro d’asfalto che conduceva i concorrenti verso l’Altopiano dei Sette Comuni, il portacolori della scuderia di Abano Terme riusciva a piazzare la zampata, facendo sua la classe, salendo sul podio di gruppo, chiudendo ottavo assoluto ed incamerando i primi punti utili in chiave TIVM, zona nord.

“Prima di partire per la gara” – aggiunge Zandonà – “abbiamo controllato i dati della centralina e tutto è tornato alla sua normalità. Sistemato il cavo abbiamo visto che tutto funzionava a dovere e così ci siamo concentrati sulla gara. Siamo partiti con maggiore ottimismo ed infatti anche il risultato ci ha dato ragione. Ottavi assoluti, terzi di gruppo e primi di classe. Un risultato che ci ha dato una grossa soddisfazione. Anche se abbiamo corso con gomme usate il tracciato si è rivelato più che buono. Non credo che continueremo nel Trofeo Italiano Velocità Montagna perchè, solitamente, la Salita del Costo è il fine settimana che utilizziamo come test annuale per iniziare la stagione. Il nostro terreno di caccia prediletto è lo slalom ma, ad ora, è ancora troppo presto per capire che strada prenderemo. Resta certo che iniziare il 2022 con una vittoria e con un ottavo assoluto è il modo migliore per pensare al futuro. Grazie a Funny Team, a tutti i partners che ci sostengono ed a chi mi è stato vicino in questi due giorni di gara. Siamo pronti, carichi e motivati per iniziare un nuovo anno e puntare ad ambiziosi obiettivi.”

Articolo precedenteCalcio, serie D, Saluzzo, Sina Filho Aquiles: “Da subito ottimo impatto”
Prossimo articoloIl maltempo non frena gli alfieri di Club 91 Squadra Corse