DCIM100MEDIADJI_0013.JPG

A meno di una settimana dal via, Cagliari scalda i motori per il FIM Sardinia Grand Prix. Da mercoledì 22 a domenica 26 settembre, davanti a uno dei luoghi più iconici del turismo cagliaritano, la spiaggia del Poetto, i bolidi dell’offshore si sfideranno per ben 3 corone: a partire dalla più importante, quella per il Campionato del Mondo UIM Classe 3D, con un contorno rappresentato dal Campionato Italiano FIM Offshore 5000 & Honda Offshore e dal Campionato Italiano FIM Formula Junior Elite, oltre a una competizione internazionale di Pleasure Navigation. Il tutto organizzato dalla Federazione Italiana Motonautica e della sua delegata Assoservices Association.

I momenti da fissare sul calendario per il Campionato del Mondo UIM 3D sono questi: giovedì 23 in acqua per le prove libere alle 10.30 alle 12.30 e poi dalle 15.30 per Gara-1 (13 giri sul circuito corto da 43,93 miglia nautiche, ovvero 81,3 km), venerdì 24 prove libere alle 11 e Gara-2 (18 giri sul circuito lungo da 61,48 mm, 113,8 km) alle 15.30, sabato di nuovo libere alle 11.30 e infine domenica libere alle 10.30 e la decisiva Gara-3 (circuito corto) alle 15.30. Durante gli ultimi 30 minuti di prove di giovedì 23 verranno presi i tempi per la composizione della griglia di partenza di Gara-1. L’ordine di arrivo di questa determinerà invece la griglia di Gara-2, mentre per Gara-3 l’ordine di partenza sarà dato dall’ordine di arrivo invertito di quella precedente. Il titolo di campione del mondo verrà ovviamente assegnato attraverso la somma dei punteggi delle 3 gare.

Da oggi sono iniziati i lavori per fare del Porticciolo Turistico di Marina Piccola il paddock del FIM Sardinia Grand Prix: una location meravigliosa che sarà possibile osservare dai pochi metri di distanza che la separano dalla spiaggia e dal lungomare. Da mercoledì il paddock diventerà operativo con l’arrivo dei piloti e i primi briefing. E vista l’enorme quantità di persone che ospiterà, tra piloti e staff, la FIM ha posto sull’intera area rigidissime norme per il rispetto dell’ambiente: si è deciso porre particolare attenzione al ciclo dei rifiuti e pertanto ogni team avrà nel suo proprietario il responsabile dei comportamenti di tutti gli altri. Previste multe salatissime (fino a 500 euro) per chi lascia oggetti di plastica abbandonati e per chi non utilizza correttamente i vari contenitori dedicati.

Un aspetto che farà particolarmente piacere all’Assessorato al Turismo della Regione Sardegna e in particolare al titolare Gianni Chessa, che ha voluto fortemente questo evento. Il turismo e la cultura di Cagliari e Sardegna saranno infatti una presenza costante per tutta la settimana del FIM Sardinia Grand Prix. Un legame sul quale la Federazione Italiana Motonautica del Presidente Vincenzo Iaconianni punta molto, considerata anche la presenza a Olbia dal 17 al 19 settembre con il Mondiale di Aquabike. Regione Sardegna in prima fila anche per il vernissage del FIM Sardinia Grand Prix, che sarà ufficialmente presentato venerdì sera al Palazzo dell’Assessorato al Turismo. Con una grande anteprima, la presentazione del nuovo progetto della FIM: la “SuperBoat”.