Casuale la data d’uscita, l’8 marzo. Reale invece l’esigenza di scrivere, pardon di descrivere lo sport “al femminile”. Massimiliano Morelli ha scritto per Bradipolibri “Le rivoluzionarie”, in vendita su Amazon, ebook incorniciato da trenta medaglioni di regine dello sport. regine non sempre perché hanno vinto, ma perché con i loro comportamenti hanno aperto gli occhi al mondo. Così, oltre a leggere del 10 di Nadia Comaneci, si legge la storia di Alfonsina Strada, prima ciclista donna che partecipò al giro d’Italia, quello maschile, per intenderci. Si legge della prima teofora che accese un tripode olimpico, e avvenne a Città del Messico nel 1968, e di Wilma Rudolph, personaggi indelebili nella memoria di chi ama lo sport. Il libro ha la prefazione di Alessandra Laterza, la postfazione di Laura Coccia e contiene un’intervista realizzata con la campionessa mondiale ed europea di karate Alma Spahic.

Articolo precedenteAtletica, Europei indoor, Italia “esaltante”
Prossimo articoloCalcio, eccellenza, Crlazio, ufficiali 33 adesioni su 48