Sevilla
Una immagine pubblicitaria del Sevilla FC, club della Liga spagnola - foto tratta da pagina Facebook club andaluso

Il Sevilla FC vince in Svizzera (Basilea al St. Jakob Park) la sua terza Europa League consecutiva (e quinta se si considerano le finali raggiunte): dopo il Dnipro lo scorso anno e ed il Benfica due anni fa, questì’anno è il Liverpool a cadere sotto i colpi del forte club spagnolo.

Reds che passano anche in vantaggio con Sturridge, con un gran colpo di esterno sinistro. La squadra di Emery non si dà per vinta e riesce a rimontare: Gameiro e una doppietta di Koke, fanno sì che sia il Siviglia a vincere il trofeo e permettono agli spagnoli di entrare di diritto nel tabellone principale della prossima Champions League (stagione 2016/17).

La vittoria di questa sera non solo conferma la bontà del calcio spagnolo (visto che la finale Champions league di Milano è tra Real Madrid e Atletico Madrid) ma fa riflettere su come l’Italia stia perdendo anno dopo anno competitività. E’ incredibile che i nostri club non siano mai riusciti a vincere questa competizione anche quando, come nel caso della Juventus FC, hanno avuto la “fortuna” di poter organizzare la finale in casa nel 2014 e raggiungerla senza grandi difficoltà.

Si parla tanto di crescita delle italiane in Champions, dove, al di là della finale di Berlino di un anno fa raggiunta dalla Juve, i risultati non sono stati molto lusinghieri. Eppure Napoli, Lazio e Fiorentina quest’anno sono sembrate svogliate e concentrate su altri obiettivi/traguardi sportivi “interni”. (fonte Sporteconomy)