Dopo le esaltanti stagioni a Civita Castellana, terminate con la conquista della A3 ma anche con un importante infortunio alla caviglia, torna a vestire la maglia bianco azzurra, e ad occupare posto due, l’ex capitano Pierlorenzo Buzzelli. sicuramente uno dei maggiori protagonisti della storia recente del club.

Approdato a Tuscania proveniente dalle giovanili del Trento, è ad oggi l’ultimo reduce della storica promozione in serie A. Protagonista in seguito della promozione del Sora in Superlega, ha fatto poi ritorno in bianco azzurro con Montagnani.

Nella passata stagione è stato votato come miglior opposto e MVP assoluto del girone F da parte degli allenatori di tutte le squadre nell’ambito del concorso indetto dalla società Villadoro Modena e sponsorizzato da Ottica Dal Passo.

Innanzitutto, come stai, a che punto è il recupero dall’infortunio?

“Il recupero procede molto bene e di questo devo ringraziare il dottor Nico Potestio che mi ha operato e segue ogni mio passo e la dottoressa Erika Acevedo che sta curando la mia riabilitazione. Sto lavorando intensamente ogni giorno, dovrei riuscire ad iniziare la preparazione regolarmente con la squadra, ma ci vado con i piedi di piombo, non posso rischiare ricadute e voglio essere al top per le partite che conteranno”.

Perché il ritorno a Tuscania?

“Semplice, perché Tuscania aveva bisogno di ricostruire, di riportare entusiasmo in città, ripartendo proprio da Tuscania, dai suoi cittadini e dai tifosi di questa magnifica squadra e io non potevo tirarmi indietro”.

Un apporto, il tuo, reso ancora più prezioso dalla conoscenza maturata negli ultimi anni di una categoria, la B, in cui Tuscania manca da molti anni.

“Sì e la serie B negli ultimi anni è salita molto di livello, non va proprio sottovalutata! Tanti giocatori forti hanno deciso di riavvicinarsi a casa per motivi lavorativi ed abbandonare i ritmi della serie A, e poi molto dipenderà anche dal girone in cui saremo inseriti. Quello che posso dire ai miei nuovi compagni è che dovremmo vendere cara la pelle ogni partita perché tutti, conoscendo la storia di Tuscania, vorranno farci ‘lo scalpo’”.

Essendo andato via Alessandro Sorgente bisognerà scegliere un nuovo capitano ma per questo c’è ancora tempo. Una cosa però possiamo provare ad indovinare, ovvero chi sarà ad indossare la maglia n° 1.

“La maglia numero 1 della Maury’s Com Cavi me la rimetto addosso con immenso piacere. Per quanto riguarda la scelta del capitano, come nelle migliori ‘famiglie’, con il coach e i miei nuovi compagni ci confronteremo e decideremo insieme. Ci conosciamo tutti, con molti siamo amici da anni, troveremo sempre insieme la miglior soluzione per qualsiasi cosa, a prescindere da chi avrà la fascetta sotto il numero”.

Cosa ti senti di dire ai tifosi?

“Nessun appello particolare, chi vuole bene a questa squadra sa cosa significa tornare a giocare a Tuscania. Vi aspettiamo all’Olivo, tanti e rumorosi come sempre!”.

Articolo precedenteSuccesso per la quarta edizione del Raid degli Etruschi
Prossimo articoloRugby Portogallo con le divise griffate Macron