La tensione e l’adrenalina iniziano a salire in vista di un Rally Trofeo ACI Como che, al termine del prossimo fine settimana, deciderà le sorti del Trofeo N5 Italia.

Sono rimasti soltanto in due a contendersi la serie maggiore dedicata alle innovative vetture con i favori del pronostico che volgono tutti verso un Riccardo Rigo che ha dominato la stagione, in lungo ed in largo, ben adattandosi ai cambi di fondo e di tipologia di evento.

Pur vantando quattro vittorie il pilota di Borgo Valsugana, sulla Citroen DS3 N5 curata da Power Brothers e condivisa con Daiana Darderi, ha commesso un unico errore, l’assenza ad un Roma Capitale che ha consentito al suo principale rivale, Pietro Porro, di mantenere aperta una partita che si appresta ad essere particolarmente emozionante nell’imminente weekend.

Una missione quasi impossibile per il pilota di Cernobbio, sulla Toyota Yaris N5 di Tecnica Bertino assieme a Paolo Garavaglia, che partirà con le spalle al muro, obbligato a vincere ma dovendo confidare anche in una dea bendata che possa mettere i bastoni tra le ruote a Rigo.

Il coefficiente maggiorato, a quota due nel comasco, potrebbe rivelarsi ago della bilancia.

“La nostra stagione è stata molto produttiva fino a questo punto” – racconta Rigo – “ma paghiamo pesantemente l’assenza avuta, per problemi di lavoro, al Roma Capitale. Non ci è bastato vincere quattro delle sei gare che si sono disputate nel Trofeo N5 Italia. È vero, partiamo con i favori del pronostico perchè abbiamo trentacinque punti da gestire su Porro ma, purtroppo, la mia storia personale mi insegna che non posso mai dormire sonni tranquilli. Ho visto sfuggire dalle mie mani già due campionati ormai vinti, in testa al via dell’ultima gara e poi costretto a fermarmi. Speriamo di sfatare questo tabù e di riuscire a portare a casa il titolo.”

“Sappiamo di avere davanti una missione molto difficile da portare a compimento” – gli fa eco Porro – “perchè a Rigo basterà arrivare per poter vincere il Trofeo N5 Italia. Finchè la matematica ci tiene in gioco daremo il massimo per rendergli la vita difficile. È naturale che dovrebbe succedere qualcosa di imprevedibile per permetterci di recuperare lo svantaggio.”

L’appuntamento comasco, valevole come ultima tappa del Campionato Italiano Rally Asfalto, potrebbe essere anche in grado di rimescolare le carte nell’ambito del Trofeo Open N5.

L’attuale leader Rigo pur vantando centoventi punti di margine su Camporese, quest’ultimo compagno di colori in Power Brothers sulla seconda Citroen DS3 N5 condivisa con Diego Zanotti, ha già raggiunto il numero massimo di risultati utili, pari a sei, previsti dal regolamento.

Il coefficiente maggiorato, a quota quattro, potrebbe permettere il rientro in corsa di tanti avversari, tra i quali lo stesso Porro, che non hanno ancora toccato il tetto massimo imposto.

Appuntamento fissato quindi per Venerdì 21 e Sabato 22 Ottobre per due giorni di gara intensi, capaci di regalare forti emozioni e colpi di scena per un finale di stagione incandescente.

Articolo precedenteSabato 22 ottobre il torneo di golf a Trento da effetto ‘wow’
Prossimo articoloA Como Menegatti tornerà al volante della Skoda Fabia Rally 2 Evo