Il secondo assoluto, il primo podio in carriera, è stato frutto di condizioni molto particolari, come quelle che si trovano nelle insidiose pianure attorno a Scorzè, ed almeno questo diceva per non lasciarsi prendere dall’euforia per un passaggio nella classe regina che, dopo il recente Halloween Ronde, ha invece consolidato il proprio valore.

Questa, in sintesi, la due giorni in terra sammarinese di un Giovanni Toffano che ha saputo sorprendere ancora, chiudendo terzo assoluto alla sua seconda apparizione al volante della Skoda Fabia Rally 2 Evo, curata da MS Munaretto, ed alla quarta nella categoria maggiore.

Un risultato che arricchisce un bottino stagionale notevole, vantando due podi e tre top ten centrate su quattro partecipazioni, gettando le basi per un 2023 che lo vedrà protagonista.

Pronti, via ed al primo semaforo verde della Domenica il portacolori del binomio composto da Rally Team e Jteam, come di consueto affiancato da Matteo Gambasin, iscriveva il proprio nome nelle classifiche con il terzo tempo assoluto, a soli nove decimi dallo scratch.

Un avvio decisamente consistente, rinnovato da una prima ripetizione che, nonostante un errore, lo vedeva confermare la terza piazza al controllo stop, a meno di un secondo dal migliore, riuscendo a salire in seconda nella generale, in lotta per una vittoria lontana solo 1”9.

“Siamo partiti bene” – racconta Toffano – “ma abbiamo cercato di non forzare. Senza rischi particolari ci siamo resi conto di essere in bagarre per la vittoria ma, sembrerà strano, abbiamo deciso di accontentarci perchè i nostri obiettivi sono altri. Senza diminuire il nostro passo abbiamo cercato di lavorare di più sulla guida, limando dove si poteva. Nel secondo giro eravamo meglio di due, al penultimo intertempo, ma ho sbagliato un tornante. Peccato, capita.”

Il pilota di Rovolon affrontava la seconda metà di gara senza esagerare, accontentandosi di gestire una situazione che, nonostante la perdita di una posizione, produceva un bilancio nettamente positivo, fatto di un terzo gradino del podio assoluto, in RC2N ed in R5 – Rally 2.

Il modo migliore per approcciarsi ad uno degli appuntamenti più importanti della stagione, il prossimo Rally Città di Schio, e per festeggiare al meglio il compleanno del proprio navigatore.

“Sulla terza potevo guidare meglio” – aggiunge Toffano – “ma, per un po’ di stanchezza e per la poca sensibilità che avevo sui tratti umidi, siamo stati poco efficaci. L’ultimo giro, quello corso di notte, ci ha visto andare in serenità ed alzavo dove non mi sentivo sicuro. È stato interessante continuare ad apprendere il potenziale di quest’auto in una situazione così complessa. Siamo molto soddisfatti della nostra prestazione, aiutati anche da un’auto perfetta. Assetto e motore davvero al top. Il percorso era molto veloce ed insidioso, proprio come quelli che piacciono a me. Adesso arriva Schio, una delle gare più attese in Triveneto, e sarà un ulteriore banco di prova per noi. Grazie a Rally Team ed a Jteam, in particolare ai loro presidenti Fiorese e Battaglia. Grazie a MS Munaretto, ai partners ed ai tifosi che sono stati con noi fino a notte.”

 

Articolo precedenteE’ alle viste la HOKA Maratona di Ravenna città d’Arte 
Prossimo articoloPara-Trap, avvio “mondiale” di gara eccellente per gli azzurri