Un vero e proprio tsunami di tiratori ha invaso le pedane dei quattro impianti interessati dalle gare per l’assegnazione dei titoli di Società Campione d’Italia di Fossa Olimpica. Per l’esattezza sono stati 131 i team societari impegnati in gara, per un totale di poco inferiore ai mille tiratori.

Tra i portacolori di quelle di Prima Categoria, chiamati a raccolta al Tav Bologna di Casalecchio di Reno (BO), il titolo di Campione d’Italia se lo sono meritati gli umbri del Tav Umbriaverde del Presidente Giuliano Proietti, oro con il totale di 543/600. A rappresentare il team di Massa Martana sono stati convocati Franco Felici di Bastardo (PG), Giovanni Pierpaoli di Ostra Vetere (AN), Marcello Tittarelli di Fabriano (AN), Marco Paolini di Nettunno (RM), Marco Casagrande Moretti di Assisi (PG) ed Emanuele Romolini di Ponte San Giovanni (PG).

Sulle 20 squadre iscritte il secondo posto se lo sono assicurati i portacolori del Tav La Torretta di Pagani (SA), che con 535 su 600 ha sfiorato il sogno di conquistare il tricolore nel primo anno della promozione dalla Seconda Categoria. Un ottimo risultato, dunque, per i convocati dal Presidente Pietro Sorrentino, ovvero Fabio Sollami, Simone Lo Schiavo, Salvatore Grillo, Rosario Coccia, Gioacchino Giacinti e Ciro Cangiano, a cui va un plauso particolare.

Sul terzo gradino del podio la squadra del Tav Montecatini del grande Bruno Rossetti con 530 punti, rappresentata da Massimo Generini, Stefano Narducci, Giorgio Luporini, Piero Quagli, Vincenzo Piscitelli e Giancarlo Viligiardi.
Vittoria in casa per la squadra del Tav Conslice, che ha accolto sulle sue pedane le 30 squadre delle Società di Seconda categoria impegnate nella corsa allo scudetto 2017. Senza alcuna “cortesia per gli ospiti”, ovviamente solo agonistica, il team del presidente Alessandro Baraldi ha approfittato del fattore campo per aggiudicarsi l’oro con lo score di 548/600. Complimenti a Massimo Moni di Massa Lombarda (RA), Edoardo Antonioli di LPavezzola, Sergio Suffredini di Pomezia (RM), Gianni Casadio di Cotignola (RA), Gabriele Rusticali di Forlì (FC) e Mauro Mazzoni di Molinella (BO).
Con loro sul podio la squadra del Tav Giorgio Rosatti di Ponso (PD) e quella del Tav Ghirlandina di San Cesario sul Panaro (MO), rispettivamente seconda e terza.
Per quanto riguarda la prima, il presidente Lucio Sperandio può dirsi comunque soddisfatto della prestazione di Bruno Maron, Marco Correzzola, Enrico Sinigaglia, Franco Rosatti, Rossano Pesci e Alessandro Venturini, che con 542 si sono messi al collo l’argento.
Lo stesso vale anche per il presidente Federico Cercatillo del Ghirlandina, che grazie a Stelvio Luppi, Sunter Fontanili, Alex Serri, Massimilaino Vai, Lorenzo Soldati e Roberto Bonfigli si è assicurato il bronzo con il totale di 540.
Passando alle classifiche delle Società di Terza e Quarta Categoria, la Sicilia l’ha fatta da padrona, aggiudicandosi i titoli di Campione d’Italia di entrambe le categorie con le squadre del Tav Mothia di Marsale (TP) e con quello de La Contea di Modica (RG).
Procedendo con ordine, nel comparto delle Società di Terza Categoria gli alfieri del presidente Fabio Amato si sono dimostrati i più forti su quelli delle 37 squadre in gara sulle pedane del Tav Cieli Aperti di Cologno al Serio (BG).
Complimenti a Salvatore Pizzo Vito Antonio Angileri, Fausto Scuderi, Francesco Amato, Vito Claudio Episcopo e Fabrizio Pira, tutti di Marsala (TP), per la vittoria con il totale di 546 punti su 600.
Al secondo posto si sono piazzati i portacolori del Tav Pezzaioli di Montichiari (BS) del presidente Luigi Beatini con il 540 realizzato da Cesare Fenaroli, Graziano Borlini, Fabio Maiolini, Claudio Franzoni, Diego Esposito Civitello e Fabio Fantoni.
Terzi con 537 Alberto Brambati, Daniel Bolis, Walter Carminati, Stefano Bettoni, Giovanni Brignoli e Luca Birolini del Tav Bergamo Stand G Casari del presidente Mariangela Giupponi.
Infine, per quanto riguarda il comparto di Quarta Categoria, disputato sulle pedane del Trap Conaverde di Lonato del Garda ed in cui hanno gareggiato 44 squadre, il team de La Contea è stato guidato alla vittoria da Adriano Avveduto di Modica (RG), Paolo Putano di Palermo, Francesco Prestifilippo di Piazza Armerina (EN), Vincenzo Triscari di Naso (ME), Francesco Pollicino di Messina (ME) e Giuseppe Caprì di Messina (ME) con il totale complessivo di 548/600.
Sul secondo gradino del podio sono saliti i portacolori del Tav Aosta del presidente Sandro Piacentini, Claudio Armiraglio, Stefano Pavan, Carlo Alessandro Negri, Matteo Tallarini, Armando Lussiana e Paolo Possoni, che hanno totalizzato 540 punti.
Con 532 il bronzo è stato appannaggio degli emiliani del Tav Il Mulino di Crevalcore, presieduto da Ivan Rossi e rappresentato in pedana da lui e da Marco Cottignoli, Luca Bondi, Paolo Giberti, Stefano Schianchi e Roberto Caffagni.