Sul ponte di Nave “Francesco Mimbelli” si è appena concluso il 27° Campionato Italiano Interforze che ha portato alla Stazione Navale Mar Grande di Taranto settantadue tiratori in uniforme e otto squadre dei Gruppi Sportivi delle Forze Armate e dei Corpi dello Stato.

A meritarsi il Tricolore del 2021 per la categoria Eccellenza è stato Alessandro Belli (Fiamme Oro) di Ostia, perfetto nelle qualificazioni con 100/100 e poi primo in finale con il totale di 124/125. Per l’assegnazione dell’argento e del bronzo si è dovuto ricorrere ad uno spareggio tra due tiratori appaiati a quota 123. Protagonisti del duello sono stati Angelo Scalzone (Esercito) di Trecate (MI) e Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA), ma ad avere la meglio è stato il militare milanese che si è assicurato il secondo posto con +7 a +6.

Con gli stessi punteggi sono state assegnate le medaglie del comparto femminile. A cucirsi al petto il Tricolore è stata Giulia Grassia (Esercito) di Modena, quasi perfetta in qualificazione con 99/100 ed esemplare in finale. Per lei il punteggio finale è stato di 124/125. A contendersi gli altri due posti del podio sono state Maria Lucia Palmitessa (Fiamme Oro) di Monopoli (BA) e Isabella Cristiani (Marina Militare) di San Giuliano Terme (PI), rispettivamente d’argento con 123 +2 e di bronzo con 123 +1.

Per la prima volta la finale del Campionato Interforze è stata aperta anche ai tiratori disabili. A centrare il titolo è stato Oreste Lai (Fiamme Oro) di Sestu (CA), sabato scorso medaglia d’argento nel Mondiale di Para-Trap organizzato a Lonato del Garda, che oggi si è preso l’oro con il punteggio di 92/100. In seconda posizione si è piazzato Sandro Lecca di Settimo San Pietro (CA).

Sul ponte del cacciatorpediniere e lanciamissili della Marina Militare Italiana hanno sfilato anche gli aspiranti futuri campioni del Settore Giovanile Fitav, ai quali era stato riservato un Gran Premio. Al maschile il migliore è stato Gianmarco Barletta di Contursi Terme, oro con 99/100 +1, mentre al femminile l’oro è andato al collo di Chiara Pignatelli di Ostuni (BR) con 99/100.

Ta titolo di Campione Italiano Interforze anche la gara di Ferdinando Rossi (Marina Militare Italiana) di Montefalco (PG), oro tra i Prima Categoria con 120/125, di Stefano Marullo di Brindisi, primo tra i Seconda con 120/125, di Roberto Vivarelli di Valenzano (BA), primo tra i Terza con 121/125, di Piergiuseppe Gaggioli di Martina Franca (TA), oro nella Classifica Personale Civile con 100/100, e di Antonio Lazzari di Nociglia (LE), primo in quella del Personale in Quiescenza con 96/100.

Infine, per quanto riguarda la classifica a Squadre, a meritarsi il Titolo di Campioni Italiani sono stati i portacolori della Polizia di Stato Alessandro Belli, Maria Lucia Palmitessa e Fiammetta Rossi, unico terzetto a non aver commesso alcun errore ed aver terminato la gara con un perfetto 300/300. Alle loro spalle si sono piazzati i tre tiratori della Marina Militare Italiana Antonino Barillà, Alessandro Chianese ed Isabella Cristiani con 299, mentre la medaglia di bronzo è andata ai rappresentanti dell’Esercito Italiano Giulia Grassia, Angelo Scalzone e Marco Aloisio Gullo con 292 +71.

“Sono molto fiero e ed emozionato di essere qui, per un appuntamento che ogni anno si conferma occasione per rinsaldare il rapporto tra la nostra Federazione e le Forze Armate ha commentato il Presidente Federale Luciano Rossi – Ogni volta ho la fortuna di vivere in prima persona le emozioni di questa competizione unica, per lo scenario in cui si svolge, per l’ordine e la disciplina che si respirano a bordo del cacciatorpediniere e lanciamissili della Marina Militare, comandato quest’anno dal Capitano di Vascello Giuseppe Massimiliano Aletta e per l’apertura, per la prima volta nella storia della gara, agli atleti disabili, con la presenza a bordo del vicecampione del mondo Oreste Lai. Ai vincitori dei titoli e delle medaglie faccio i miei migliori complimenti, ma ringrazio anche tutti coloro che hanno voluto misurarsi in questa importante gare. A tutti do appuntamento al prossimo anno”.