Il cammino italiano per le Olimpiadi di Parigi 2024 inizia da Larnaca con la Carta Olimpica conquistata da Silvana Stanco, neo Campionessa Europea di Fossa Olimpica. La tiratrice delle Fiamme Gialle, quinta classificata ai Giochi di Tokyo 2020, si è presentata a Cipro con la ferma intenzione di brillare e così ha fatto, dominando tutte le fasi della kermesse continentale. Migliore delle qualificazioni con il punteggio di 119/125, l’azzurra ha guidato la sua semifinale con uno strepitoso 24/25 e ha atteso il verdetto della seconda semifinale per capire chi avrebbe affrontato nella finalissima. A contendersi l’accesso al round decisivo anche Giulia Grassia (Esercito) di Modena e Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore (BO), la prima in semifinale con 118/125, secondo miglior punteggio assoluto, e la seconda con il sesto a 117 (+1).

Alla fine, oltre alla Stanco ed alla spagnola Fatima Galvez, nella finalissima sono entrate anche la Rossi e l’inglese Lucy Charlotte Hall.

La prima a cedere le armi è stata la Galvez, quarta con 10/15, mentre la Rossi, Campionessa Olimpica a Londra 2012, si è arresa al bronzo con 20/25. Nel duello conclusivo la Stanco, in vantaggio di un piattello sulla britannica, non le ha lasciato spazio di manovra e, non sbagliando nemmeno un tiro, si è arrampicata fino alla vetta del podio con 32/35. Una vittoria importantissima che, oltre all’oro ed al titolo di Campionessa Europea, le ha portato in dote anche la Carta Olimpica per i Giochi francesi.

“Ovviamente sono molto contenta di come è andata la gara. Ho sparato bene nelle qualificazioni, ma quello che mi da più piacere è aver sparato bene nella semifinale e nella finale. Mi sono piaciuta – ha spiegato la Stanco al termine della gara – Abbiamo lavorato tanto per prepararci a questo appuntamento, ma questo non sempre è garanzia di risultato. Stavolta è andato tutto bene, sia per me sia per le mie compagne di squadra. Oltre al Titolo di Campionessa Europea, torno a casa con una Carta Olimpica molto importante, la prima del quadriennio per la mia Federazione e la terza della mia carriera di tiratrice. Sono davvero molto felice e soddisfatta e voglio condividere questi sentimenti con la mia famiglia, con la Federazione e con la Guardia di Finanza, che insieme ai miei sponsor mi supportano in ogni passo”.

“Una gara assolutamente fantastica delle mie donne, sono state bravissime – ha commento un contentissimo Albano Pera, Direttore Tecnico Nazionale del Trap – Hanno dominato tutta la gara. Tutte e tre in semifinale, due in finale, due medaglie e una carta olimpica. Cosa chiedere di più? Sono super soddisfattissimo perché hanno risposto alla grande. Sono state davvero fantastiche”.

Lontani dai giochi per le medaglie e per le Carte Olimpiche gli azzurri, tutti fuori dalle semifinali. Il migliore dei nostri è stato Lorenzo Ferrari (Fiamme Oro) di Provaglio d’Iseo (BS), tredicesimo con 118/125, un piattello in meno di quelli necessari per lo spareggio di ingresso. Venticinquesimo Daniele Resca (Carabinieri) di Pieve di Cento (BO) con 117 e trentunesimo Mauro De FIlippis (Fiamme Oro) di Taranto con 116

Articolo precedenteSpazio, aperta in orbita la vela solare italiana “Artica”
Prossimo articoloCrugnola e Ometto vincono il 45° Rally 1000 Miglia